Polmoniti misteriose in Cina: è l’inizio di una nuova pandemia? L’OMS invita alla prudenza

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un’ondata di casi di polmonite di origine sconosciuta in Cina, soprattutto nelle città di Liaoning e Pechino, ha messo in allerta le autorità sanitarie internazionali. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in una recente nota, ha invitato la popolazione cinese ad adottare tutte le misure precauzionali per ridurre il rischio di diffusione di malattie respiratorie, incluso l’utilizzo di mascherine e il distanziamento sociale.

Misteriosa ondata di polmoniti in Cina, l’OMS invita alla cautela

L’OMS ha chiesto maggiori informazioni alle autorità cinesi sulla circolazione di diversi agenti patogeni, tra cui influenza, SARS-CoV-2, RSV e mycoplasma pneumoniae, per capire se vi sia un legame con l’attuale ondata di polmoniti. Al momento non è chiaro se si tratti di un nuovo ceppo influenzale o di un altro patogeno emergente. “Siamo in contatto con medici e scienziati in Cina attraverso le nostre reti tecniche per monitorare la situazione” ha affermato l’OMS. L’organizzazione ha raccomandato l’adozione di misure preventive come vaccinazioni, distanziamento fisico, auto-isolamento in caso di sintomi, test e cure mediche tempestive.

Aumento di casi soprattutto a Pechino e Liaoning, ospedali in difficoltà

Secondo l’epidemiologo Eric Feigl-Ding, negli ospedali pediatrici di Pechino e Liaoning ci sarebbero tanti bambini affetti da questa misteriosa polmonite e le lezioni in molte scuole sono state sospese. “È troppo presto per prevedere se questa potrebbe essere un’altra pandemia – ha scritto su Twitter – ma l’orologio della pandemia continua a ticchettare”.

Ricorda l’inizio della pandemia, ma per ora niente allarmismi

L’improvvisa ondata di polmoniti riporta alla mente l’inizio della pandemia di Covid-19, partita proprio dalla Cina alla fine del 2019 anche se per il momento le autorità invitano alla calma. L’attenzione sulla situazione comunque rimane alta. La rapidità nell’isolare nuovi focolai e nell’adottare misure preventive sarà cruciale per evitare scenari peggiori. L’OMS invita anche a seguire le indicazioni delle autorità sanitarie, tra cui l’uso di mascherine, distanziamento ed igiene.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria