L’inspiegabile morte di Rebecca, la bimba di 9 anni stroncata da un malore dopo un’operazione

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La tranquilla routine di una famiglia si è trasformata in tragedia nel giro di pochi istanti. Rebecca, una bimba di soli 9 anni, è morta dopo aver accusato un malore nella sua abitazione. Il dramma ad Arconate, in provincia di Milano.

I tentativi di salvare Rebecca

Tutto è successo nella mattinata di lunedì 15 gennaio, intorno alle 7.15, pochi minuti prima che la piccola uscisse di casa per andare a scuola. Improvvisamente Rebecca si è accasciata a terra sotto gli occhi atterriti dei genitori, che hanno subito chiamato i soccorsi. In pochi minuti sul posto sono arrivati i mezzi del 118, ma le condizioni della bambina sono apparse subito gravissime. Trasportata d’urgenza in elisoccorso all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, per due lunghi giorni i medici hanno fatto di tutto per salvarle la vita, ma ogni tentativo è risultato vano. Mercoledì 17 gennaio, il suo cuoricino ha cessato di battere per sempre. La causa del decesso sarebbe da ricondurre ad una crisi cardiaca, anche se sarà necessario attendere ulteriori accertamenti.

Un intervento di routine finito tragicamente

Soltanto due settimane prima la piccola era stata sottoposta a un intervento chirurgico per l’asportazione delle adenoidi, un’operazione di routine a cui ogni anno vengono sottoposti migliaia di bambini. Nessuno poteva certo immaginare che di lì a poco la sua giovane vita sarebbe stata stroncata in maniera così repentina e crudele.

Il dolore della comunità

L’intera comunità di Arconate, un piccolo centro di circa 6000 abitanti, si è stratta attorno alla famiglia, colpita da un così grave lutto. Il comune ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un messaggio di cordoglio, stringendosi idealmente attorno ai familiari della bimba: “In questo mondo così ingiusto, non esistono parole adeguate a esprimere il dolore della nostra comunità. Ci sentiamo sgomenti, piangiamo impotenti di fronte all’inconcepibile tragedia di una bellissima bimba scomparsa così presto, così ingiustamente”. Parole che esprimono tutta l’impotenza di fronte a una morte inspiegabile, che lascia attoniti e pieni di dolore.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

“Condanniamo con forza i ripetuti episodi di stalking e violenza verbale, palesemente diffamatori, che sono stati perpetrati in questi giorni dal cantante Morgan ai danni dell’ex compagna Angelica Schiatti, alla quale esprimiamo vicinanza e solidarietà”. Lo ha detto la presidente del Movimento Italiano per la Gentilezza, Natalia Re, commentando la notizia degli atti diffamatori che […]