Anaffettivo e poca intimità: marito condannato a pagare divorzio e mantenimento

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il marito è stato troppo distratto e poco affettuoso durante il matrimonio, per questo il tribunale lo ha condannato a pagare tutte le spese, oltre al mantenimento alla ormai ex consorte. Una storia che arriva dal tribunale di Velletri che ha condannato un 37enne a pagare 7.600 euro di spese legali per divorziare dalla moglie. Il motivo? Essere stato giudicato “troppo distratto” e aver mostrato scarso affetto nel corso della vita matrimoniale.

La moglie chiede il divorzio nel 2018

I fatti risalgono al 2018 quando la moglie, esasperata dall’atteggiamento del marito, aveva presentato ricorso per ottenere la separazione. I due erano sposati dal 2014 e non avevano figli. Stando alla versione della donna, l’uomo avrebbe sempre rifiutato ogni tipo di contatto fisico e manifestazione d’affetto, arrivando a trascurarla completamente. Un comportamento che, secondo i giudici, viola i doveri coniugali previsti dal matrimonio. La moglie lamentava anche di soffrire di invalidità dal 2016, senza mai ricevere attenzioni o supporto morale dal partner.

La versione del marito: moglie ossessiva

Di tutt’altro avviso il marito, che ha descritto la moglie come una donna “ossessiva e oppressiva”. Atteggiamento che avrebbe portato la coppia a litigare di continuo, rendendo impossibile persino l’intimità. Insomma, un classico scaricabarile tra ex coniugi. Ma i giudici non hanno creduto alla versione dell’uomo, ritenendo il suo comportamento passivo e disinteressato la causa principale del fallimento del matrimonio. “L’atteggiamento inerte del marito, che ha preferito isolarsi rispetto alle esigenze della coppia, non appare rispettoso dei doveri nascenti dal vincolo matrimoniale” si legge nella sentenza.

Marito condannato a pagare spese legali

Una doccia fredda per il 37enne, che si è visto addebitare tutte le colpe e le spese legali di una separazione evidentemente non desiderata. Dal canto suo, la moglie esce moralmente vincitrice da questa disputa.

La lezione: non dare l’affetto per scontato

Una vicenda che fa sorridere, ma che in fondo ci ricorda come l’affetto e l’attenzione reciproca siano pilastri imprescindibili di un matrimonio. Per tanti utenti dei social l’uomo avrebbe dovuto mostrare più partecipazione, come minimo per evitare di dover pagare 7.600 euro di spese legali. D’ora in poi, probabilmente, ci penserà due volte prima di dare per scontato l’amore della propria futura dolce metà.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]