Giorgia Meloni, il post della sorella Arianna dopo la vittoria

di Manuela Zanni

Dopo la tenerissima dedica di Ginevra, la figlia di Giorgia Meloni, anche la  sorella della leader  di Fratelli d’Italia ha voluto  scrivere una dedica su Facebook per la futura presidente del Consiglio, svelando il dietro le quinte della campagna elettorale.

La dedica della sorella di Giorgia Meloni

Il post pubblicato su Facebook dalla sorella di Giorgia Meloni è diventato virale in poco tempo durante le ultime ore della lunga giornata delle elezioni. In queste ore  la Meloni si è mostrata agli italiani  che hanno scoperto  in lei una leader di Fratelli d’Italia – nonché futura premier – fragile e al contempo  determinata a raggiungere i propri obiettivi.

Arianna e Giorgia Meloni

Arianna e Giorgia Meloni

Arianna Meloni:  “Vi racconto ansia, silenzi e  angosce di mia sorella”

Arianna Meloni ha parlato de “l’ansia che hai provato, come quella prima volta a Porta a Porta” e delle notti “passate in bianco a studiare”. E poi delle angosce, dei silenzi, degli sfoghi, di “quando eri troppo stanca e sapevi che con me potevi mostrare il tuo lato vulnerabile“. La sorella ha voluto sottolineare con quanta fatica  la sorella è riuscita ad ottenere dei risultati importanti non solo come  donna ma anche come moglie e madre riuscendo ad affermarsi in un mondo che “soprattutto alle donne non regala nulla”, superando tanti uomini che oggi “ti riconoscono come capo, perché sei stata quella che ha sacrificato di più”.

Il riferimento a Il Signore degli Anelli e la citazione di J. R. R. Tolkien

Arianna Meloni ha scritto il post di sostegno alla sorella, proprio nella giornata del silenzio elettorale, usando un altro riferimento caro ai meloniani. Cioè il fantasy. E nello specifico l’opera magna di J. R. R. Tolkien, Il Signore degli Anelli. “Ti accompagnerò sul monte Fato a gettare quell’anello nel fuoco, come Sam con Frodo, sapendo che non è la mia storia che verrà raccontata, ma la tua, come è giusto che sia”, ha scritto la sorella della politica. Per poi ricordare le parole del celebre autore de Lo Hobbit con le quali Giorgia Meloni chiuse, da ventenne, uno dei suoi primi interventi a un congresso del suo vecchio partito Alleanza Nazionale. “Non sta a noi dominare tutte le maree del mondo. Il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo terra sana e pulita da coltivare”, recitava all’epoca la leader di FdI.

Arianna e Giorgia Meloni

Arianna e Giorgia Meloni

LEGGI ANCHE: Elezioni politiche 2022, quando si vota e cosa si deve sapere 

Giorgia Meloni e il Fantasy

Giorgia Meloni, la leader della destra radicale oggi anche  Prima ministra italiana, “si divertiva a travestirsi da hobbit” mossa da una forte passione della politica per l’opera di J.R.R. Tolkien, tra i più grandi best seller del Novecento e considerato caposaldo assoluto del genere fantasy.  Anche se dei travestimenti da hobbit non esiste in Rete alcuna prova fotografica, sul web da giovanissima Giorgia Meloni professava il suo amore per la trilogia tolkeniana.

Il profilo di Giorgia Meloni su Undernet nel 1998

«Conosciuta nella rete col nome di Khy-ri per le sue scorribande notturne in IRC sul canale Undernet #Italia. Romana, socialmente impegnata e con un bel caratterino è famosa per la sua passione per la letteratura “fantasy” e per le sue scazzottate virtuali sulla “pubblica” del canale #Italia. Simpatica e affabile con gli amici, diretta e pungente con chi lo merita, una amica nel vero senso della parola… occhio però a non pestarle la coda». Così, a 21 anni, Giorgia si presentava sul canale Undernet che frequentava, dove si faceva chiamare «Khy-ry, la draghetta di Undernet».  Era il 1998 e già da sei anni faceva politica nel Fronte della Gioventù, l’organizzazione giovanile del Movimento sociale italiano, ma nel profilo di Undernet non c’è traccia del suo attivismo. Ci sono però i suoi interessi, con Tolkien in cima: «I libri fantasy (naturalmente Il signore degli anelli è il mio libro preferito)». Ma anche il brivido: «Mi piacciono i libri horror (soprattutto Stephen King)».

Giorgia Meloni ai  campi Hobbit

Da giovane militante del Fronte della gioventù, Giorgia e i suoi compagni usavano soprannomi come Frodo e Hobbit e veneravano Il signore degli anelli. Giorgia ha partecipato, scrive il New York Times, a uno dei famosi Campi Hobbit, i raduni giovanili della destra che usavano appunto i simboli della trilogia tolkeniana per costruirsi una nuova mitologia, libera dai segni del fascismo. Ma perché questa influenza così forte su quei giovani? Horowitz racconta che si indentificavano «con gli abitanti della Terra di Mezzo, in lotta contro draghi, orsi e altre creature leggendarie», per proteggere una patria fondata su valori antichi e tradizioni millenarie. Il mito del patriottismo, dunque.

 

Un governo “Fantasy”

I draghi, la Terra di Mezzo, gli elfi, i nemici. Una semplice infatuazione giovanile per Giorgia Meloni? Non proprio. Sappiamo che la passione per il fantasy non ha mai abbandonato la leader di Fratelli d’Italia. L’ultima prova viene dal comizio di Piazza del popolo a Roma di qualche giorno fa, quando l’amico doppiatore Pino Insegno, che nella trilogia cinematografica presta la voce ad Argorn, l’ha presentata con una citazione del Signore degli anelli: «Verrà il giorno della sconfitta, ma non è questo». Sappiamo anche che quando nel 2008 è diventata Ministra per la gioventù con il Governo Berlusconi IV, nel suo studio aveva portato con sé un action figure di Gandalf il Bianco.

LEGGI ANCHE: Aborto,  Meloni vuole abolire la legge 194

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Una dei maltrattamenti che ha preso piede negli ultimi anni è la violenza online.  Si tratta di abusi che si verificano principalmente sui social e sulle applicazioni di messaggistica. Ma non solo: si manifesta anche nel controllo ossessivo dei computer, cellulari del proprio partner. Ci sono dei segnali chiarissimi e assolutamente da non sottovalutare. Leggi […]

3 min

Alla vigilia della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne (25 novembre), i carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno stilato un bilancio dei risultati conseguiti nel contrasto alla più odiosa forma di reato. Con i numeri, anche un video per entrare “virtualmente” nelle case dei Napoletani e, perché no, anche negli smartphone. I numeri terrificanti […]