Come riconoscere la violenza online

di Alice Marchese

Una dei maltrattamenti che ha preso piede negli ultimi anni è la violenza online.  Si tratta di abusi che si verificano principalmente sui social e sulle applicazioni di messaggistica. Ma non solo: si manifesta anche nel controllo ossessivo dei computer, cellulari del proprio partner. Ci sono dei segnali chiarissimi e assolutamente da non sottovalutare.

Leggi anche: Violenza sulle donne, i numeri terrificanti dell’ “amore” malato

Cos’è la violenza online

Il controllo ossessivo è violenza online, soprattutto se si articola nel limitare l’uso di smartphone, pc, tablet, app o connessione internet per isolarti dal tuo mondo virtuale. Un’altra forma di violenza online è il Cyberstalking. In questo caso specifico si tratta del controllo dei movimento online e offline di una persona. Questo porta il carnefice a perseguitare la vittima. Per ottenere il controllo effettivo del profilo spesso alla vittima vengono sottratti username o password ai dispositivi digitali. Un modo per proteggersi può essere quello di evitare di dare il libero accesso al proprio partner dei propri profili.

Cybermolestie e cyberbullismo

Un’altra forma di violenza psicologica è quella di essere attaccata nei social con un linguaggio estremamente offensivo, minaccioso e inappropriato. L’obiettivo è quello di devastare l’autostima e il benessere psicologico della vittima. Anche i commenti inopportuni e inappropriati a sfondo sessuale rientrano in questo tipo di maltrattamento.
Recentemente si è molto discusso di revenge porn e della circolazione di materiale intimo senza il consenso.

Leggi anche: “Io ci sono”, la vera storia di Lucia Annibali stasera su RAI Premium

Come difendersi dalle violenze online

Ad oggi la violenza online è un tipo di maltrattamento estremamente subdolo che va attenzionato, ma ci si può proteggere e nel caso in cui siate vittime di questo genere di violenza, è opportuno seguire degli accorgimenti:

  • Proteggere ogni dispositivo digitale con una password o un PIN che nessun altro conosca e senza usare parole o codici facilmente indovinabili come compleanni, nomi di animali domestici o simili. Evitare anche di impostare le stesse su ogni dispositivo.
  • Disabilitare la geolocalizzazione dello smartphone quando non serve.
  • Controllare le impostazioni di privacy dei social media scegliendo il livello più alto.
  • Fare attenzione a ciò che si posta online, soprattutto se si tratta di contenuti che possono rivelare i propri spostamenti o altre informazioni o immagini che potrebbero essere sfruttate per danneggiare.
  • In caso si sospetti di essere vittima di una forma di violenza digitale, rivolgersi alla Polizia Postale o contattare un centro antiviolenza, facendo attenzione a farlo da dispositivi sicuri, ai quali la persona controllante non abbia accesso.
  • Fondamentale anche creare nuovi account email, Google o iCloud e cambiare tutte le password che potrebbero essere state individuare dall’abusante.

Leggi anche: Cos’è la violenza psicologica

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Wedding Tourism, tutti pazzi per le nozze in Italia Sempre più stranieri, quindi, si rivolgono al wedding tourism per organizzare le proprie nozze in Italia. I dati provengono dall’Osservatorio Destination Weddings in Italy, condotto da Centro Studi Turistici e finanziato dal ministero del Turismo. Secondo Businesswire, il mercato globale del destination wedding ha raggiunto un […]

3 min

Bianca Balti ha raccontato in lacrime lo spavento dopo il messaggio in cui la scuola le comunicava di aver preso precauzioni a seguito di attività della polizia nel quartiere. Scopriamo, di seguito, cosa è successo. Cosa è successo a Bianca Balti (e alla figlia) Bianca Balti con  le lacrime agli occhi e la voce rotta […]

2 min

“Un’azione mirante a umiliare e a uccidere una comunità attraverso singolari e talvolta sistematici atti perpetrati in questo o quel villaggio”. Così un rapporto inviato all’Agenzia Fides, firmato da don Justin Nkunzi, Direttore della Commissione “Giustizia e Pace” dell’Arcidiocesi di Bukavu, capoluogo del Sud Kivu, descriveva fin dal 2007  l’uso strumentale delle violenze sessuali come […]