Bruce Willis sta sempre più male: non riconosce più la madre

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Non sono buone le condizioni di Bruce Willis, 67 anni, la cui malattia, nelle ultime ore, sta peggiorando al punto da non riconoscere più nemmeno sua madre. Scopriamo cosa sappiamo dell’attuale situazione dell’attore e della sua malattia.

Come sta Bruce Willis?

In una recente intervista  il cugino della signora Marlene Willis ha raccontato come la demenza dell’attore sia degenerata negli ultimi tempi. Lo ha raccontato in un’intervista a Das Bild il cugino della stessa signora Marlene Willis, 86 anni. Wilfried Gliem, lontano parente dell’attore statunitense, ha rivelato alcuni dettagli sulle sue attuali condizioni di salute.

Bruce Willis e la madre Marlene

Bruce Willis e la madre Marlene

La madre di Bruce Willis: “Mio figlio non mi riconosce più”

“Marlene, la madre di Bruce ci tiene aggiornati, chiamiamo una volta al mese. Dice che non è sicura che suo figlio la riconosca ancora”. Poche settimane fa la famiglia della star di Hollywood, che meno di un anno fa, aveva rinunciato a recitare per crescenti difficoltà cognitive, aveva dichiarato: “Da quando nel 2022 abbiamo annunciato la diagnosi di afasia, le condizioni di Bruce sono progressivamente peggiorate e ora abbiamo una diagnosi più specifica: demenza fronto-temporale”.

Bruce Willis ha comportamenti aggressivi

La madre di Willis avrebbe, inoltre, riferito al cugino anche che suo figlio è “molto rallentato nel suo comportamento” e “mostra una crescente aggressività”. Anche una normale conversazione non sarebbe più possibile. Una condizione abbastanza normale, tuttavia, dato il quadro clinico. Gliem ha, inoltre, aggiunto di essere particolarmente dispiaciuto per i figli e la moglie di Willis e per il dolore che tanno provando: “Scout e Tallulah sono due ragazze molto forti che ora sono lì per il loro papà, proprio come lui c’era per loro”.

Bruce Willis e l’afasia: “Non parla e non capisce”

Dopo aver annunciato la nuova diagnosi di demenza fronto-temporale i familiari dell’attore avevano affermato di essere “sollevati” nell’avere finalmente un quadro più chiaro della situazione. Al 67enne era stata diagnosticata l’afasia – che causa difficoltà nel parlare – nella primavera dello scorso anno, ma questa è progredita e ora gli è stata data una diagnosi più specifica, come ha spiegato la famiglia, nel comunicato diffuso sui social sottolineando anche come la demenza fronto-temporale sia la forma più comune di demenza nelle persone sotto i 60 anni.

Bruce Willis e la madre Marlene

Bruce Willis e la madre Marlene

La famiglia di Bruce Willis: “Speriamo che in futuro si trovi una cura”

Il comunicato della famiglia prosegue: “Bruce ha sempre creduto nell’uso della sua voce nel mondo per aiutare gli altri e per aumentare la consapevolezza su questioni importanti sia pubblicamente che privatamente. Sappiamo nei nostri cuori che – se potesse oggi – vorrebbe rispondere portando l’attenzione globale sul problema e cercherebbe di aiutare coloro che come lui stanno affrontando questa malattia debilitante.”Oggi non ci sono cure per la malattia, una realtà che speriamo possa cambiare negli anni a venire”. La dichiarazione è stata firmata da membri della famiglia di Willis, tra cui sua moglie Emma Heming e dalla sua ex moglie Demi Moore e le loro tre figlie.

La carriera di Bruce Willis

Bruce Willis è diventato un nome familiare negli anni ’80 e ’90 dopo aver recitato in film di successo come Die Hard, The Sixth Sense, Armageddon e Pulp Fiction. È stato anche nominato per cinque Golden Globe – vincendone uno per Moonlighting – e anche tre Emmy, e ne ha vinti due. Ma la sua famiglia ha detto l’anno scorso che Willis avrebbe smesso di recitare, poiché’ la sua afasia stava influenzando le sue capacita’ cognitive.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’azienda ha rispettato l’impegno preso verso i propri apicoltori mantenendo le promesse fatte per il raccolto 2023. Per tutelare un settore a rischio come quello del miele, ha corrisposto ai suoi collaboratori un compenso congruo, permettendo così di garantire il futuro di questo comparto strategico per l’intero sistema agroalimentare e per la tutela degli ecosistemi […]