Bruce Willis soffre di demenza frontotemporale: cos’è?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Bruce Willis rivela di soffrire di demenza frontotemporale. Meno di un anno fa, l’ex moglie Demi Moore, ancora molto vicina a Willis, annunciava sui social che gli era stata diagnosticata l’afasia. Per tale ragione Willis aveva preso la decisione di lasciare il cinema.

Bruce Willis soffre di demenza frontotemporale: cos’è?

La famiglia ha affermato ciò tramite i social con un post sui social e sul sito della AFTD (The Association for Frontotemporal Degeneration). “Le condizioni di Bruce sono progredite e ora abbiamo una diagnosi più specifica: la demenza frontotemporale. Ma che cos’è la demenza frontotemporale?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Demi Moore (@demimoore)

Come spiegano gli esperti della The Association for Frontotemporal Degeneration, “FTD è anche spesso indicato come demenza frontotemporale, degenerazione lobare frontotemporale (FTLD) o malattia di Pick. Rappresenta un gruppo di disturbi cerebrali causati dalla degenerazione dei lobi frontali e/o temporali del cervello. Si tratta di una malattia che colpisce principalmente la parte frontale e laterale del cervello e causa anormalità del comportamento, della personalità, del linguaggio e del movimento”. Lo spiega l’Istituto Superiore di Sanità.

Quali sono i sintomi

I sintomi causati dalla demenza frontotemporale sono moltissimi e possono includere:

  • cambiamenti nella personalità e nel comportamento, comparsa di apatia, mancanza di iniziativa, comportamenti impulsivi o socialmente inappropriati, egoismo o incapacità di mostrare interesse per i sentimenti altrui, trascuratezza dell’igiene personale;
  • comportamenti ossessivamente ripetitivi, eccessi nell’alimentazione;
  • cambiamenti progressivi del linguaggio, parlare lentamente, far fatica a pronunciare correttamente una parola, mettere le parole in ordine sbagliato in una frase, usare una parola per un’altra, avere difficoltà nella comprensione delle frasi udite o lette;
  • peggioramento delle abilità mentali, distrarsi facilmente, avere difficoltà nella pianificazione e nell’organizzazione delle attività;
  • problemi di memoria, tendono ad insorgere più tardi rispetto ad altre forme di demenza come, ad esempio, la malattia di Alzheimer;
  • problemi muscolari, rigidità e lentezza nei movimenti, perdita di controllo della vescica o dell’intestino, debolezza muscolare o difficoltà nell’inghiottire

I sintomi sono presenti tutti insieme?

Il tutto dipende da persona a persona e non tutti i sintomi si presentano contemporaneamente.
Come raccomanda l’Istituto Superiore di Sanità. “In presenza di disturbi (sintomi) che possano far sospettare la demenza fronto-temporale, è necessario recarsi dal medico curante che potrà eseguire dei controlli per scoprirne la causa e, qualora lo ritenga necessario, prescrivere una visita dal medico specialista o in un centro specializzato. In Italia è possibile individuare le disponibilità e i diversi tipi di servizi sanitari e socio-sanitari per le persone con disturbi cognitivi e con demenze sul sito dell’Osservatorio Demenze, creato e gestito dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) su mandato del Ministero della Salute”.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Trai concorrenti della prossima edizione di Tale e Quale Show nel 2024 c’è anche Amelia Villano, che è arrivata in TV dopo un percorso umano e professionale davvero straordinario. Scopriamo qualche curiosità sul suo conto. Amelia Villano: biografia, curiosità e Instagram Amelia Villano, concorrente della prossima edizione di “Tale e Quale Show” nel 2024, ha […]