Si toglie la vita con il veleno acquistato dal padre: “Mi serve per un esperimento a scuola”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

A Brescia un 16enne si è tolto la vita dopo avere chiesto al padre di procurargli del nitrito di sodio via internet, spiegando che lo avrebbe utilizzato per un esperimento scientifico a scuola. L’adolescente, però, ha fatto uso di questa pericolosa sostanza in modo estremamente drammatico, ingerendola volontariamente e ponendo fine alla sua giovane vita.

La scelta drammatica

Domenica pomeriggio, 22 ottobre, il giovane è stato scoperto in condizioni disperate nel suo appartamento. Aveva ingerito il nitrito di sodio e aveva inviato un messaggio su WhatsApp alla madre annunciando la sua tragica decisione. Portato d’urgenza all’ospedale di Bergamo, è purtroppo deceduto in poche ore.

Indagini in corso

La terribile morte del sedicenne ha immediatamente attirato l’attenzione delle autorità competenti. I carabinieri stanno ora ricostruendo le circostanze che hanno portato a questa tragedia. Finora, sembra che il giovane non avesse problemi significativi a scuola o con gli amici ma potrebbe aver sofferto a causa di un contesto familiare instabile. Si è chiuso in sé stesso e aveva iniziato a manifestare segni di cupa tristezza.

Il precedente

Pochi mesi fa, un diciannovenne a Trieste si era avvelenato con lo stesso nitrito di sodio, e l’aprile precedente una donna trentenne aveva compiuto lo stesso gesto estremo.

Foto da DepositPhotos.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria