Il contagio emotivo tra cane e umano

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il contagio emotivo è un fenomeno estremamente comune, ma al tempo stesso speciale che si crea tra un cane e l’umano. Si tratta di una sorta di filo rosso per cui le emozioni di entrambi sono inevitabilmente connesse ed è la forma di empatia più dolce che ci sia. Quando ci si sente tristi, spesso il vostro animale domestico avvertirà questo vostro stato d’animo ed è lì che avviene il contatto. Ed è una delle sensazioni più importanti e incredibili che ci sia.

Contagio emotivo tra cane e umano

Il contagio emotivo è stato studiato soprattutto tra individui della stessa specie, ma è stato dimostrato esistere anche tra specie diverse, come tra Homo sapiens e Canis lupus familiaris, dunque tra di noi e i cani. Ma perché si manifesta questo e perché è così importante? Scopriamolo insieme!

Il pianto per studiare l’empatia:

Secondo uno studio, il contagio emotivo nei cani si manifesta in risposta al pianto dei neonati. Infatti, si ritiene che il pianto sia un innato generatore di empatia, selezionato nel corso dell’evoluzione.

Inoltre, il pianto del neonato stimola l’ormone del cortisolo in uomini e donne, indipendentemente dall’esperienza genitoriale o dall’età; quindi, poiché trasmette disagio, il pianto è particolarmente adatto per scatenare il cortisolo rispetto ad altri suoni.

Come si manifesta il contagio emotivo

Spesso accade con il pianto umano. Questo può trasmettere la valenza emotiva umana ai cani, sia che i cani possono riconoscere e reagire ai cambiamenti emotivi umani con una maggiore risposta allo stress.

A quanto pare anche la personalità del proprietario influenza notevolmente quella del proprio animale. Ad esempio le persone estroverse, gentili, accoglienti, con bassi livelli di ansia e nevrosi, alta attenzione ai bisogni e alle esigenze dei loro animali ed empatiche hanno animali più felici e con meno disturbi comportamentali.

Com’è riportato da La Stampa, Margherita Carretti, etologa e mediatrice nella relazione uomo-animale, che ha studiato sperimentalmente il contagio emotivo tra le due specie.

L’importanza del contagio emotivo

“La ricerca di un equilibrio emotivo, oltre a migliorare molti aspetti della nostra vita, migliorerà anche la convivenza con i nostri animali, aiutando noi e loro ad affrontare insieme le sfide che la vita ci propone. Troppo spesso veniamo sopraffatti dalle aspettative, pretendendo dagli animali una costante disponibilità al contatto, gioia e rispetto nell’interazione, immaginando che accolgano ogni nostra richiesta con pazienza e senza opposizione. Tutto questo si tramuta inesorabilmente in una fredda stanza grigia nella quale il controllo e l’ansia prendono il sopravvento”. Lo afferma la Dottoressa Margherita Carretti.

Leggi anche: Destinato all’eutanasia, il cane cieco Beau torna a casa

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria