Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

4 controindicazioni dello zenzero che dovresti conoscere

Salute - 17 marzo 2017

Ecco alcune controindicazioni dello zenzero che dovresti conoscere per evitare di incorrere in piacevoli sorprese e in problemi di salute. Scopriamo insieme tutto quello che c'è da sapere sullo zenzero per farne un uso benefico e consapevole.


  • Lo zenzero, o ginger, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Zingiberacee. È una spezia dal sapore piccante, che cresce in zone tropicali ma che può essere coltivata anche in vaso. Lo zenzero è conosciuto soprattutto per le sue proprietà tonificanti, stimolanti, digestive e  antinfiammatorie. La parte medicinale dello zenzero è il rizoma, che tutti erroneamente chiamano radice, ed è un rimedio per la nausea e per tutto l’apparato digerente, per gli stati influenzali e di raffreddamento, è un alleato del cuore per la sua funzione di anticoagulante, abbassa il colesterolo, accelera il metabolismo e riduce il senso di fame. Vi siete mai chiesti se esistono interazioni o effetti collaterali dello zenzero? Scopriamo insieme 4 controindicazioni dello zenzero che dovresti conoscere per farne un migliore uso!

  • 1. Irrita chi soffre di colon irritabile

    ginger

    Chi soffre di colon irritabile dovrebbe limitare l’uso di zenzero poiché il suo effetto stimolante potrebbe esprimersi a carico della muscolatura dell’intestino, andando a sollecitare e irritare ancora di più l’intestino. Al contrario, le proprietà dello zenzero sono utili per chi soffre di stitichezza.

  • 2. È sconsigliato per chi ha problemi gastrici

    ginger 1

    Lo zenzero è da evitare se si soffre di problemi gastrici e di patologie come la gastrite, perché potrebbe favorire la comparsa di ulcere a carico dello stomaco. Prima di assumere lo zenzero è bene consultare il proprio medico per stabilire la possibilità o meno di consumarlo e in quali dosi.

  • 3. Evitate di assumere zenzero con alcuni farmaci

    zenzero2

    Se state assumendo farmaci antinfiammatori e ipotensivi è meglio evitare l’assunzione di zenzero. Considerato il suo l’effetto fluidificante del sangue, è preferibile consultare il medico prima di fare uso di zenzero se si stanno assumendo farmaci antiaggreganti e anticoagulanti, come Cardioasprinina, Coumadin e simili.

  • 4. Controllare l’assunzione di zenzero in gravidanza

    zenzero3

    Nonostante le proprietà antinausea dello zenzero in gravidanza, bisogna evitare di farne un uso smodato poiché alcune sostanze contenute nel rizoma sono riconosciute come mutagene e quindi in grado di provocare malformazioni nel feto. Proprio per questo è importante rivolgersi al proprio ginecologo per avere indicazioni precise in merito.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA