Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Creme solari: le più efficaci per proteggere i bambini

- 30 giugno 2010

Proteggere la pelle dal sole è un'esigenza che comincia a farsi impellente ora che l'estate si avvicina.

Le migliori creme solari per la stagione 2010 soddisfano i bisogni di ogni donna, in base al tipo di epidermide. Anche per gli adulti è infatti necessario preparare la pelle al sole prima di esporsi, ma la preoccupazione principale rimane quella relativa alla protezione dei bambini, in modo da evitare scottature indesiderate, che diventano quasi ingestibili nei più piccoli.

Le creme solari per bambini rientrano nelle collezioni di tutti i marchi produttori di solari, e si distinguono per fattore di protezione e potenza nello schermo protettivo che creano sulla pelle del bambino.
Un buon solare dedicato alle pelle dei più piccoli deve avere una caratteristica fondamentale: non deve andare via al primo spruzzo d’acqua. Il bambino vuole giocare, non stare tutto il giorno sotto un ombrellone, attento a sfuggire agli attacchi del sole. Meglio, quindi, scegliere una crema solare che resista all’acqua, così da evitare di dover cospargere il piccolo di crema ogni ora.

Tra le proposte per l’estate 2010 per i solari protettivi per bambini,
Eucerin presenta la sua linea Sun Protection per Bambini: con i micropigmenti che riflettono i raggi UV direttamente dallo strato più superficiale della pelle, questo prodotto fa in modo di non farli penetrare al suo interno. In questo modo, protegge dalle scottature e dai danni causati dal sole.

Nivea
, con la sua linea Kids rinnovata, propone invece il Latte solare Kids protettivo, efficace anche in acqua e resistente a ogni gioco e la nuova formula Swim&Play, altrettanto duraturo. In più, per garantire protezione ai più piccoli ovunque, Nivea propone il Pocket Size, comodo e tascabile, da portare sempre con sè.

Infine, La Roche Posay, con la linea Dermo Pediatrics, offre una gamma di prodotti ideali per la cura della pelle del piccolo, evitando noiosi inconvenienti che potrebbero rallentare la vacanza o impedire il divertimento di tutta la famiglia.

Articolo scritto da: Giovanna Gallo

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA