Eurovision 2024, Angelina Mango: “atmosfera orribile”. La replica degli organizzatori

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Angelina Mango, che ha rappresentato l’Italia all’Eurovision 2024, insieme alla rappresentante dell’Irlanda Bambie Thug, avevano denunciato quel che accadeva dietro le quinte della kermesse canora più famosa al mondo. L’Ebu ha chiarito che esaminerà ogni singola contestazione ricevuta. Scopriamo, di seguito, cosa è accaduto.

Le lamentele di Angelina Mango ( e Bambie Thug )

 Angelina Mango e la cantante irlandese Bambie Thug secondosi sarebbero lamentate dell’atmosfera negativa e “orribile” che si respirava nel backstage dell’Eurovision Song Contest 2024 secondo la Bbc. Questa edizione del contest è stata particolarmente movimentata dal punto di vista politico. La partecipazione di Israele ha, infatti, suscitato non poche polemiche e proteste per la guerra in corso a Gaza. L’Ebu (European Broadcasting Union).

Le polemiche

Sono state diverse le polemiche e le proteste che hanno coinvolto questa edizione. Alcuni partecipanti del contest hanno firmato una dichiarazione chiedendo un cessate il fuoco a Gaza prima dell’Eurovision. Il cantante olandese Joost Klein è stato squalificato dalla competizione per “comportamenti inappropriati” dopo che una donna della troupe lo ha denunciato per “intimidazioni”. Tra le diverse polemiche si è sollevata anche la voce dell’emittente nazionale portoghese RTP, la quale ha protestato per un ritardo nella pubblicazione della performance del Paese su YouTube dopo la finale.

Gli organizzatori hanno chiarito che il ritardo è stato causato dalla performance della concorrente portoghese, Iolanda, che ha dipinto sulle sue unghie immagini ispirate alla kefiah, simbolo della resistenza palestinese. Ma non solo. La squadra dell’Ucraina è stata multata per aver mostrato n messaggio ritenuto politico sulle magliette, ovvero: “Liberate i difensori dell’Azovstal”. Oltre ai fischi e alle proteste in strada dei cittadini, anche diversi artisti hanno preso posizione contro la partecipazione di Israele. È il caso, ad esempio, del forfait della portavoce della Norvegia Alessandra Mele, così come quello del giurato della Finlandia, Käärijä

La reazione dell’organizzazione

l’organizzazione del contest, ha annunciato che esaminerà attentamente gli eventi che sarebbero accaduti alla Malmo Arena in Svezia e prenderà in considerazione le singole lamentele. Inoltre, gli organizzatori si sono detti “dispiaciuti” se alcune delegazioni “non hanno rispettato lo spirito delle regole”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria