Grande Fratello, e se il vero compito di Mirko Brunetti non riguarda Perla Vatiero?

di Walter Giannò


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Premesso: nulla accade per caso in una trasmissione televisiva come il Grande Fratello dove attivare e coltivare le dinamiche è fndamentale per mantenere alta l’attenzione sul reality.

E anche la scelta di riportare Mirko Brunetti nella Casa, in qualità di ospite, rientra nella strategia generale del programma di alternare all’unico vero canovaccio delle storie, ovvero la disarmonia tra Beatrice Luzzi e quasi tutto il resto degli inquilini, quello tra il 27enne e Perla Vatiero.

Tuttavia, se da un lato la speranza dei fan della campana è quella della ‘restaurazione’ della relazione tra i due, attendendo con bramosia il fatidico bacio, dall’altro Mirko ha cominciato la sua seconda residenza nella Casa con una missione ormai chiara: rimarcare al gruppo ostile alla ‘rossa’ che così non si può andare avanti e che sul serio ci sono atteggiamenti che puntano ad isolarla, proprio perché è oggettivamente la più forte e quindi la più temuta per il successo finale.

Brunetti, infatti, ha già più volte ripreso sia Perla che qualcun altro, lodando al contempo le qualità comunicative della Queen. Ad esempio, ‘epico’ è ormai questo dialogo tra Mirko e la ex (che, forse, è destinata a restare tale): “Ma tu hai preo la laurea in psicologia?”. “No, perché?”. “Fatti delle analisi, pensa a te stessa” e “No, Perli, così no”, suggerendo che tali comportamenti non determinano consensi al di fuori della casa, anzi.

Senza dimenticare il bel gesto distensivo nei confronti della Luzzi che, messa da parte dopo la puntata di mercoledì scorso, desolata dall’attacco di Marco Maddaloni, è stata confortata proprio da Mirko, appena rientrato nella Casa, davanti agli occhi perplessi e sorpresi di Perla e Rosy Chin.

Eccetera, eccetera.

Insomma, in attesa dei prossimi eventi, perché tutto può accadere e tutto magari è già stato pianificato dagli autori demiurghi, Mirko non è tanto un nuovo alleato di Beatrice bensì colui che si è dato uno scopo ben preciso (e non possiamo non escludere che sia anche una disposizione ad hoc di Alfonso Signorini): allentare la tensione e mettere di fronte alle proprie responsabilità il gruppetto perché, in qualsiasi relazione umana, nel bene e nel male, le colpe non sono mai solo di una parte e basta.

Ecco, allora possiamo sostenere che il Grande Fratello ci ha azzeccato: la presenza di Mirko, ‘fuori concorso’, ha aggiunto un elemento attrattivo in più e non (solo) perché deve chiarirsi con Perla. Anzi, questo appare più un pretesto…

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria