Caos al concerto di Geolier: il rapper napoletano fugge dal palco: cos’è successo a Palermo?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Momenti di paura ieri sera a Palermo durante il concerto del rapper Geolier, interrotto anzitempo per motivi di sicurezza. L’evento ai Cantieri Culturali della Zisa, nell’ambito del Green Pop Fest, è stato sospeso dopo neanche un’ora di show a causa di disordini e incidenti tra il pubblico.

Lancio di bottiglie e invasione del palco

Già dal pomeriggio la situazione era apparsa complicata, con numerosi fan assiepati fin dalle prime ore fuori dalla venue nonostante il caldo torrido. Diversi giovani hanno accusato malori per le lunghe ore di attesa e sono intervenute ambulanze. Poi, all’inizio del live, alcuni spettatori hanno scavalcato le transenne invadendo l’area pit riservata a chi aveva acquistato i biglietti per stare vicino al palco. “Hanno spinto a terra dei carabinieri ed è scoppiato il caos” raccontano alcuni presenti. Centinaia di ragazzi hanno preso d’assalto la zona sotto il palco, salendo addirittura sul palco stesso. Il rapper napoletano ha provato a calmare gli animi invitando educatamente i fan a tornare al loro posto, ma senza successo.

Le scuse del rapper su Instagram

A quel punto la sicurezza ha portato via Geolier mentre dalla folla partiva un fitto lancio di bottiglie di plastica. Altri giovani sono saliti sul palco scatenando la rissa, costringendo gli organizzatori a interrompere il concerto per motivi di ordine pubblico. Un epilogo amaro per quella che doveva essere una serata di festa e musica per i tantissimi fan accorsi. “Mi spiace per aver dovuto interrompere lo show, purtroppo è stato per motivi indipendenti dalla mia volontà ma per questioni di sicurezza” ha scritto Geolier sul suo profilo Instagram, ricevendo il supporto dei suoi sostenitori.

Polemiche sull’organizzazione dell’evento

Ora c’è preoccupazione per le prossime date del Green Pop Fest, che vedrà esibirsi ai Cantieri Culturali altri big della scena rap italiana come Salmo, Fabri Fibra ed Ernia. Se non si riuscirà a garantire la sicurezza, l’intera rassegna musicale rischia di saltare nonostante i numerosi sold out previsti. Il sindaco Lagalla ha assicurato che saranno rafforzate le misure di sicurezza, ma l’episodio di ieri sera ha creato non poche polemiche sull’organizzazione dell’evento. 

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Non si ferma il progetto della label palermitana Southside Records, una realtà che è nata grazie all’intuizione e all’ambizione di alcuni ragazzi palermitani che uniti dalla passione per il rap sono riusciti a unire gli artisti fra i più interessanti della scena musicale del Sud Italia. Il roster dell’etichetta discografica ora può ritenersi al completo […]