Uomo lancia torta contro la Gioconda, perché lo ha fatto

di Manuela Zanni

Di stupirsi non si finisce mai. Un uomo ha lanciato una torta ricoperta di panna contro la “Gioconda” di Leonardo Da Vinci al museo del Louvre di Parigi. Un atto vandalico nei confronti del celebre capolavoro che non ha subito danni grazie alla teca di vetro che lo protegge: è su quest’ultima che si è schiantata la torta lanciata da un uomo che è stato immediatamente fermato dagli addetti alla sorveglianza.

Cosa è successo al Museo del Louvre di Parigi?

Con indosso una parrucca e un cappello, l’autore del gesto si è finto un visitatore come gli altri e seduto su una sedia a rotelle si è mischiato tra la gente avvicinandosi al quadro. È a quel punto che ha estratto dalla giacca il dolce ricoperto di panna e lo ha lanciato verso la “Gioconda”. L’identità dell’uomo non è stata resa nota né i motivi che lo hanno spinto a compiere il gesto. La scena è stata ripresa dai tanti visitatori presenti al momento dell’attacco e i video postati sui diversi social: in uno di questi si vede l’aggressore, con indosso parrucca e berretto, lanciare proclami a favore della protezione del pianeta, mentre viene scortato all’esterno del museo dagli addetti alla sicurezza.

Gli atti vandalici nei confronti della  Gioconda

Quello di oggi non è il primo attacco subito dalla “Gioconda” di Leonardo da Vinci: nell’agosto 2009 un turista ha lanciato contro il quadro una tazza di tè che si è rotta colpendo la teca di vetro. Qualche anno prima, nel 1974, mentre era in mostra al Museo Nazionale di Tokyo, una donna ha provato a danneggiarlo con uno spray di colore rosso. Nel 1956 ha subito addirittura due attacchi: il primo da parte di un uomo che ha danneggiato la parte inferiore con dell’acido e il secondo da parte di un pittore boliviano che ha lanciato un sasso contro la celebre opera


L’episodio della tazza

Frustrata per non essere riuscita a ottenere la nazionalità francese, una donna russa ha lanciato una tazza da tè contro la Gioconda al Louvre, senza comunque danneggiarla. Lo ha riferito un portavoce del museo parigino, precisando che il fatto è avvenuto il 2 agosto e che la donna è stata immediatamente arrestata.  «Ha lanciato una tazza vuota contro la Monna Lisa, ma non ci sono stati danni, visto che la tazza si è infranta quando ha colpito lo schermo che sta a protezione del dipinto» ha spiegato David Madec. La donna «era visibilmente arrabbiata», ha aggiunto il portavoce del Louvre, sottolineando che la russa è stata poi sottoposta a test psichiatrici. La Gioconda, che è protetta da uno schermo anti-proiettile, è uno dei capolavori più ammirati del museo parigino e lo scorso anno è stata osservata da 8milioni e mezzo di visitatori. La donna aveva nascosto la tazza nella borsa e ha detto alla polizia di essere arrabbiata per il no alla sua richiesta di ottenere la nazionalità francese. Ora è stata rilasciata, ma rischia azioni legali da parte del Louvre. La tazza scagliata contro il capolavoro di Leonardo da Vinci è solo l’ultimo di una lista interminabile di folli gesti finalizzati a danneggiare le opere d’arte. Compiuti da squilibrati, artisti mancati, semplici teppisti, i numerosi attentati hanno avuto come bersaglio indifferentemente dipinti, statue, fontane, architetture d’ogni epoca e in ogni parte del mondo.

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

Grande orgoglio di mamma  per Guendalina Tavassi dal momento che  la figlia Gaia Nicolini è stata eletta Miss Cinema nell’ambito delle selezioni per il concorso di Miss Italia.   Gaia Nicolini andrà a Miss Italia Mora, slanciata, fisico mozzafiato, 18 anni, la primogenita dell’influencer è alla sua prima esperienza ma dimostra già di sapersela cavare. […]