Ignazio Boschetto de Il Volo ricorda il padre Vito a Verissimo: “Non l’ho perso, è sempre con me”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Nella puntata di domenica 7 novembre di Verissimo, Silvia Toffanin ha intervistato il trio de Il Volo. Ignazio Boschetto, Gianluca Ginoble e Piero Barone sono stati ospiti del salotto televisivo di Canale 5, durante la quale si sono raccontati a lungo.

In particolare, Ignazio Boschetto ha ricordato il padre Vito, morto nello scorso mese di marzo. Una perdita molto pesante, avvenuta poco prima della partecipazione del trio al Festival di Sanremo, in qualità di ospiti. Boschetto non ha rinunciato a salire sul palco del festival della canzone italiana e ha avuto modo di spiegare perché.

Ignazio Boschetto: “Non ho perso mio padre, è sempre con me”

Silvia Toffanin ha sottolineato come sia difficile affrontare la perdita di una figura fondamentale come quella del padre, soprattutto all’età di Ignazio, cioè 27 anni. Il cantante ha raccontato: «Ho parlato con altre persone che hanno perso un genitore presto o tardi. Puoi avere qualsiasi età, ma è sempre presto, non si è mai pronti ad accettarlo. Però devo dire che il fatto che abbiamo viaggiato tanto, che quando eravamo dall’altra parte del mondo sapevo che lui era sempre in qualche posto, anche oggi immagino che lui sia in un altro posto. È come se non lo avessi perso. Io non ho perso mio padre, mio padre è sempre con me. Mi piace pensarla così».

Il Volo a Verissimo ricorda Vito Boschetto

Vito Boschetto è stato una figura molto importante anche per gli altri due membri de Il Volo, Gianluca Ginoble e Piero Barone. Erano molto legati al papà di Ignazio, dato che, quando hanno iniziato la loro carriera, avevano appena 14 anni. Viaggiare con i genitori, per loro, era più che normale.

Anche Gianluca e Piero, dunque, hanno voluto dedicare un pensiero a Vito: «Ignazio ha dimostrato di essere un uomo estremamente forte. Tre giorni dopo la perdita di Vito siamo stati ospiti al Festival di Sanremo e tutti ci aspettavamo che lui non arrivasse. È arrivato col sorriso. Siamo rimasti spiazzati dal suo modo di affrontare quel momento. Ci ha insegnato tanto, devo ringraziarlo. È un uomo forte e gli vogliamo tanto bene».

Perché Ignazio Boschetto non ha rinunciato a Sanremo 2021

Ignazio ha raccontato che il padre era orgoglioso di lui ma che, caratterialmente, «era quel tipo di persona che non riusciva a esternare le emozioni». Questa peculiarità, però, veniva perfettamente bilanciata in altro modo, perché con lo sguardo era in grado di trasmettere perfettamente ciò che provava. Alla fine dell’intervista, poi, ha spiegato perché non ha rinunciato a Sanremo.

La morte del padre di Ignazio Boschetto è avvenuta poco prima dell’inizio del Festival di Sanremo 2021. Il Trio ha partecipato alla kermesse in qualità di ospite, ma Boschetto non ha voluto rinunciare all’esperienza sul palco: «Non c’è stato un solo momento in cui io abbia pensato di non farlo perché i nostri genitori ci hanno dato tutto. Dopo tutti i sacrifici che lui e mia madre hanno fatto per fare in modo che arrivassi dove sono oggi, non mi avrebbe mai permesso di essere assente. L’ho fatto anche per lui».

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria