Tokyo 2020, Laurel Hubbard prima transgender alle Olimpiadi

di Alice Marchese

Rivoluzioni alle Olimpiadi di Tokyo. Laurel Hubbard, è la prima atleta transgender a qualificarsi a un’Olimpiade.

Nuove regole del Cio

Anche i transgender potranno partecipare alle Olimpiadi di Tokyo in base alle nuove regole del Cio. E’ intervenuto a suo tempo dopo le polemiche per le prestazioni e le vittorie della mezzofondista sudafricana Caster Semenya, accusata dalle rivali di essere un uomo e in realtà affetta da iperandroginia.

Laurel Hubbard scriverà la storia. La sollevatrice di pesi neozelandese è pronta a diventare la prima atleta transgender a competere ufficialmente alle Olimpiadi.

Laurel, nata di sesso maschile ma ha effettuato il percorso di transizione diventando donna. Ha conseguito svariate vittorie tra gli uomini e provocò le proteste delle rivali alla sua prima medaglia mondiale tra le sollevatrici donne. Il tutto è avvenuto nel 2017.

Adesso le cose stanno per cambiare e parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo.
Una mossa che riaccenderà il dibattito tra favorevoli e contrari, e non per la disputa sui diritti sociali.

In passato ha gareggiato nelle competizioni maschili

Hubbard ha gareggiato anche nelle competizioni maschili. E’ diventata idonea a competere nel sollevamento pesi femminile dopo aver mostrato livelli di testosterone al di sotto della soglia richiesta dal Comitato Olimpico Internazionale (10 nanomoli per litro, da confermare nei 12 mesi precedenti i Giochi).

L’atleta è già stata la prima transgender a partecipare in Australia ai Giochi del Commonwealth a Gold Coast nel 2018, quando ha dovuto ritirarsi dopo aver subito un infortunio al gomito che ha quasi messo fine alla sua carriera.

Ancora da ufficializzare

La squadra neozelandese deve ancora essere ufficializzata, ma i dirigenti della federazione mondiale hanno confermato al Guardian che Hubbard, n. 16 del ranking mondiale, al momento è in grado di soddisfare i nuovi criteri di qualificazione che sono stati semplificati dalla Federazione internazionale di sollevamento pesi a causa della pandemia Covid-19.

Kane Tanaka avrebbe dovuto portare la torcia

Kane Tanaka ha 118 anni ed è la donna più vecchia del mondo come ha stabilito anche il Guinness dei Primati. Rinuncia a essere uno dei tedofori della fiaccola olimpica che sta attraversando il Giappone in vista delle Olimpiadi di Tokyo.

Il motivo della rinuncia

L’aumento dei contagi da Covid-19 è stato il motivo della rinuncia. Questo ha convinto la famiglia che ha comunicato la decisione.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

Che il calcio femminile sia diventato una solida realtà, è ormai sotto gli occhi di tutti. Basti pensare che quest’anno anche l’Arabia Saudita avrà il suo primo campionato di calcio ufficiale, la Women’s Football League. Pensate che persino durante una delle ultime puntate della “Bobo Tv”, l’ormai immancabile appuntamento calcistico settimanale (su Twitch) con Bobo […]

2 min

Gioia infinita per i due atleti. Annunciati i portabandiera per la Paralimpiadi di Tokyo 2021. Si svolgeranno dal 24 agosto al 5 settembre e i fortunati rappresentati dell’Italia saranno Bebe Vio e Federico Morlacchi. Come per le Olimpiadi, saranno due atleti a condividere questo fondamentale compito. Due ori paralimipici nel fioretto Bebe Vio 24 anni, 27 […]

2 min

Questa è la storia di Stefi Troguet, un’atleta che si allena sulle montagna vicino casa. I Pirenei. Ella rompe le regole e dimostra con i fatti l’inconsistenza dei pregiudizi. Nel suo settore sportivo, è nota come “l’alpinista col rossetto”. L’alpinista col rossetto Stefi Troguet, ambassador Ferrino, scala con il rossetto rosso, diventato il suo segno […]