Carenza di vitamina D: quali cibi ne contengono di più?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La vitamina D è decisamente importante per il sistema immunitario e giova alla salute delle ossa. Inoltre è un’ottima arma contro l’osteoporosi e del rachitismo nei bambini. Infatti, aiuta l’organismo ad assorbire il calcio, importante per la costituzione del tessuto osseo. Questa, però, spesso viene a mancare a causa delle nostre abitudini che non prevedono più di trascorrere una giornata all’aria aperta ad esempio. Ovviamente quando le temperature diminuiscono è inevitabile rimanere in casa, ma fortunatamente è possibile assumerla attraverso la dieta. Scopriamo insieme come fare!

Come assumere più vitamina D

Questa la si assume attraverso la pelle, con l’esposizione solare che ci permette di sintetizzarla e renderla attiva, ma anche grazie alla dieta e all’utilizzo di integratori. Per l’ultima opzione è opportuno consultare il proprio medico per una corretta somministrazione. Gli integratori più comuni sono gli oli di pesce, come l’olio di fegato di merluzzo, oppure l’olio di alga, in caso di dieta vegana.

La vitamina D viene “dispersa” anche a causa di comportamenti poco sani come l’abuso di alcol e il consumo di sostanze stupefacenti. Inoltre, l’uso di certi farmaci può influire sulla sua quantità nel nostro organismo.

Carenza di vitamina D: cosa comporta

La mancanza di vitamina D può provocare:

  • osteoporosi
  • rachitismo nel bambino e nell’adulto
  • fratture ossee.

Negli alimenti

Non sono moltissimi i cibi che contengono questa preziosa vitamina. Tuttavia, tra i principali alimenti troviamo:

  • olio di fegato di merluzzo
  • pesci grassi, in particolare sgombro, aringa, tonno, carpa, anguilla, pesce gatto e salmone
  • ostriche e gamberi
  • formaggi grassi
  • burro
  • tuorlo d’uovo
  • funghi (unica fonte vegetale di questa vitamina)
  • carne di fegato.

Quali sono gli alimenti fortificati

Esistono alcuni alimenti fortificati con questo tipo di vitamina:

  • latte di soia
  • latte di mucca
  • succo d’arancia
  • cereali e farina d’avena.

E invece quali sono i possibili sintomi da deficit di vitamina D?

  • tendenza ad ammalarsi spesso;
  • affaticamento e stanchezza.
  • dolore alle ossa e/o mal di schiena.
  • dolori muscolari.
  • caduta di capelli.
  • cattivo umore.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]