Osteoporosi: come combatterla

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Quando si parla di osteoporosi si fa riferimento ad una malattia cronica caratterizzata da alterazioni della struttura ossea con conseguente riduzione della resistenza. Dunque questo porta il corpo ad essere più incline a subire fratture. Ma quali sono le sue cause e come si può combattere contro questa? Scopriamolo insieme!

Osteoporosi: cause

Spesso l’osteoporosi è causata da svariati fattori e spesso non ha nulla a che vedere con l’invecchiamento e a volte gioca molto la predisposizione genetica.

Vi sono due forme principali di osteoporosi:

  • Primitiva: questa colpisce le donne in post-menopausa o gli anziani
  • Secondaria: questa può interessare soggetti di qualsiasi età affetti da malattie croniche o in terapia con farmaci che direttamente o indirettamente influenzano negativamente la salute scheletrica.

Quali sono i sintomi dell’osteoporosi?

L’osteoporosi è una malattia silente e l’esordio dei sintomi coincide con la comparsa di una frattura da fragilità. Per essere più precisi, questa può interessare la colonna vertebrale, il femore prossimale (collo) e il polso.

In questi casi è opportuno consultare uno specialista dal momento che questo può identificare i soggetti a rischio anche in assenza di sintomi e valutare una diagnosi precoce di osteoporosi in seguito ad una corretta anamnesi. Com’è stato detto precedentemente ci sono alcuni fattori che giocano un ruolo non indifferente. Tra questi c’è la familiarità per frattura di femore o di vertebre, patologie croniche, e terapie con farmaci che possono provocare alterazioni della struttura ossea come i glucocorticoidi, gli immunosoppressori e le terapie ormonali per carcinoma alla mammella e alla prostata.

Leggi anche: Benessere in gravidanza: come vivere serenamente

Quali esami è opportuno eseguire

Ci sono degli esami da portare a termine per assicurarsi che ci sia qualche fattore di rischio. In questo caso un medico può sospettare l’osteoporosi nelle seguenti categorie di persone:

  • Tutte le donne a partire dai 65 anni di età
  • Donne in menopausa di età inferiore ai 65 anni, che presentano fattori di rischio per l’osteoporosi
  • Tutti gli uomini e le donne che hanno avuto una frattura pregressa senza o con poca forza, anche se la frattura si è verificata in età giovane
  • Adulti a partire dai 65 anni di età che soffrono di mal di schiena inspiegabile o che presentano una perdita di almeno 3 centimetri (1,2 pollici) in altezza
  • Persone le cui ossa appaiono sottili oppure che presentano fratture da compressione vertebrale all’esame radiografico
  • Persone a rischio di sviluppare l’ osteoporosi secondaria

Leggi anche: Giornata internazionale dello Yoga, la più antica disciplina del benessere

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]