Tutto quello che c’è da sapere sull’acido clorogenico

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Cos’è l’ acido clorogenico?

L’ acido clorogenico è un acido di natura alimentare presente nell’acido caffeico, che si trova in tantissimi ortaggi e in molta frutta.

[prodotti_amazon]
[amazon] Tisana al Caffè Verde Equilibra [/amazon]
[amazon] Estratto Liquido Caffè Verde NatureCare [/amazon]
[amazon] Yerba Mate Cruz De Malta [/amazon]
[/prodotti_amazon]

Esso appartiene alla categoria dei polifenoli, potenti antiossidanti dai numerosi effetti benefici per il nostro corpo. La dicitura clorogenico deriva dal greco, dove il prefisso “cloro” significa “verde”, colore che caratterizza i prodotti che si ottengono dalla sua ossidazione.

Dove si trova l’ acido clorogenico?

Esso è presente in alte concentrazioni nel caffè verde, quello che viene raccolto prima che i chicchi arrivino a maturazione. Con il processo di torrefazione a cui viene sottoposto il caffè, invece,  si assiste all’eliminazione di buona parte dell’acido clorogenico. Tuttavia, lo si può trovare in altri alimenti, come il mate, famosa bevanda sudamericana, che si distingue proprio per essere una fonte ricca di acido clorogenico; non dimentichiamo, poi, alcuni alimenti vegetali di uso comune, quali mele, pesche, mirtilli, prugne, pere, arachidi, pomodori, melanzane e patate.

Quali proprietà possiede?

Le proprietà dell’acido clorogenico sono diverse e tra queste emergono soprattutto gli effetti ipotensivi e modulatori della glicemia. Inoltre, ha proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antibatteriche, oltre ad essere un buon sostegno per il tono dell’umore.

Secondo alcuni studi pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition l’acido clorogenico fa dimagrire poiché è stato evidenziato come l’assunzione di caffè verde aiuti il dimagrimento e la perdita di peso grazie alla sua capacità di bruciare i grassi. Infatti, l’acido clorogenico diminuisce l’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale e sveltisce i processi metabolici attraverso un’accelerazione del processo naturale con cui il nostro organismo elimina i grassi accumulati.

Ha effetti collaterali?

Non sono frequentemente riscontrati effetti collaterali dell’acido clorogenico poiché, di solito, è una sostanza ben tollerata da tutti. Si riscontra, tuttavia, che possa aumentare i livelli di omocisteina nel sangue, rappresentando quindi un fattore di rischio cardiovascolare. Se si considerano gli effetti positivi di questa sostanza sulla pressione sanguigna e sull’assorbimento del glucosio è però molto improbabile che questo aumento provochi un effettivo incremento del rischio cardiovascolare.

Leggi anche:

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]