Tumore alla gola: sintomi, cause e come si cura

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Daniele Bossari si racconta senza filtri. Attraverso un post sui social annuncia di avere un tumore alla gola. Per tutti il primo lunedì di settembre equivale al ritorno alla vita di tutti i giorni. Per lui ha un altro significato. “Il primo lunedì di settembre è il giorno in cui molti ricominciano la propria attività. Ma per me, il ritorno alla semplice routine quotidiana, assume oggi un significato di rinascita”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniele Bossari (@danielebossari)

Daniele Bossari: “Ho dovuto accettare il dolore”

Classe 1974, Daniele Bossari spiega come ha trascorso questo ultimo periodo.
“Per spiegarvi cosa mi è successo utilizzo il dodicesimo arcano dei tarocchi: ‘l’appeso’, perché rappresenta perfettamente la condizione in cui mi sono ritrovato. Mi è apparso in sogno in una notte di primavera, mentre cercavo di dare un senso alla sofferenza fisica che stavo provando durante i mesi di chemio e radioterapia, per curare un tumore alla gola. Sono vivo e ve lo posso raccontare. Nell’impossibilità di sfuggire al dolore, ho dovuto accettarlo. Appeso al filo del destino, ma con totale fiducia nella scienza medica, ho attraversato la tempesta”.

La malattia di Bossari

Continua su Instagram. “Mentre i medici curavano il mio corpo cercavo di curare la mia anima mettendo in pratica quegli insegnamenti dettati da tutti i libri letti, i testi spirituali, le meditazioni. La ricerca interiore doveva trovare un senso a quello che mi stava capitando. La malattia  ha rappresentato per me una potentissima forma iniziatica, obbligandomi a disintegrare il mio ego, sgretolando ogni certezza, permettendomi di revisionare la scala dei valori: quali sono le vere priorità? La prima è l’amore. L’amore che ho ricevuto dalla mia famiglia e dalle persone a me care. L’aiuto, la presenza, il sacrificio di chi mi è stato accanto. E poi l’amore per la vita in sé. Di fronte alla paura della morte ogni cosa diventa più vivida. A volte bisogna attraversare il dolore per comprendere la felicità. Ora lo so bene. Voglio ringraziare i medici e lo staff dell’Ospedale San Raffaele di Milano, la mia famiglia e gli amici che con pazienza mi sono stati vicini in tutti questi mesi, dandomi la forza di affrontare questa battaglia”.

Tumore alla gola in Italia

In Italia vengono registrati annualmente 5.000 nuovi casi di tumore alla gola tra gli uomini e 500 tra le donne. Solitamente vengono colpite la corda vocale vera, l’epiglottide e l’area post-cricoidea.

Soggetti a rischio

Per quanto concerne i tumori della laringe e della faringe i principali fattori di rischio sono il fumo di sigaretta e il consumo di alcol. Dunque fumatori e chi consuma alcol è più incline a sviluppare la patologia. Ma sono stati registrati anche casi legati al virus HPV. Pertanto è opportuna una dovuta vaccinazione.

Leggi anche: “Daniele Bossari: “Ho avuto un tumore alla gola”

Sintomi

I tumori delle corde vocali causano alterazione della voce. Quelli che invece colpiscono lingua e epiglottide danno una vaga sensazione persistente di corpo estraneo con un dolore irradiato all’orecchio. Non solo, possono esserci anche i linfonodi ingrossati. Per tali motivi, mentre i tumori delle corde vocali sono in genere diagnosticati in fase iniziale, i tumori orofaringei sono diagnosticati in fase più avanzata.

Come si previene il tumore alla gola

Per tenere sotto controllo la situazione, è opportuna una visita odontoiatrica l’anno. Così da comprendere lo stato di salute dei denti, ma anche la presenza di eventuali lesioni precancerose a carico della mucosa della bocca e della parte più esterna della faringe. Per prevenire è consigliato non bere e non fumare.

Come curare il cancro alla gola

Qualora la gravità della patologia sia elevata, si opta per l’asportazione di tutto l’organo e dei linfonodi circostanti. Se lo stadio è quello iniziale, è preferibile il laser disponibile nei centri ad alta specializzazione. Radioterapia e chemioterapia sono usati come adiuvanti nel post operatorio, per ridurre le recidive. Fondamentale è concordare con il medico la cura più idonea per conseguire il risultato sperato.

Leggi anche: “Tumore al pancreas, quali sono i campanelli d’allarme?

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]