Sindrome dell’impostore: cos’è e come superarla

di Romina Ferrante


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Avete mai sentito parlare di sindrome dell’impostore? Questa espressione è stata utilizzata per la prima volta negli anni ’70 dalle psicologhe Pauline Clance e Suzanne Imes, per indicare l’atteggiamento di chi è convinto di non meritare il successo personale ottenuto.

Scopriamo insieme di che si tratta.

Che cos’è la sindrome dell’impostore

Chi soffre di questa sindrome vive nell’ansia costante che il suo “bluff” venga scoperto, tende continuamente a sottostimare le proprie capacità, non si ritiene degno dei traguardi raggiunti e qualunque risultato positivo non sarà mai sufficiente a mettere in discussione questa propria convinzione personale.

Questa condizione riguarda ogni ambito della propria vita da quello lavorativo a quello sociale e sentimentale e porta a viverla come una costante corsa all’obiettivo. Il risultato è che si porranno obiettivi sempre più alti e difficili da raggiungere, vivendo la quotidianità con un’ansia perenne alla costante ricerca dell’approvazione altrui. Qualsiasi tipo di critica anche quella più costruttiva diventerà così impossibile da metabolizzare.

La sindrome dell’impostore si lega ad una bassa autostima e ad un elevato autocontrollo.

I 7 sintomi della sindrome dell’impostore

Ecco i principali sintomi di questa sindrome:

  • La paura del fallimento;
  • Dialogo interiore negativo;
  • Ossessione per gli errori commessi in passato;
  • Sensazione di incompetenza e dubbi sulle proprie capacità;
  • Tendenza al perfezionismo;
  • Esagerazione nella preparazione di qualsiasi cosa.

Cosa fare per uscirne

Superare la sindrome dell’impostore è possibile. Ecco i passi da compiere per superare questa sindrome:

  • Rivolgersi a uno psicoterapeuta;
  • Riconoscere e valutare in modo obiettivo le proprie capacità;
  • Controllare il proprio dialogo interiore;
  • Fare una lista dei risultati raggiunti e delle proprie abilità;
  • Evitare paragoni con gli altri;
  • Imparare ad apprezzare i complimenti ricevuti;
  • Non smettere mai di imparare;
  • Accogliere l’aiuto altrui;
  • Smettere di inseguire la perfezione.

LEGGI ANCHE: Sindrome della ‘brava bambina’: cos’è, le conseguenze e come uscirne

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]

Negli ultimi anni è sempre più diffuso il digiuno intermittente, una pratica amata per la sua capacità di far perdere velocemente peso. Recenti studi hanno evidenziato, però, alcuni rischi legati alla pratica del digiuno intermittente, scuotendo le fondamenta delle convinzioni precedenti. Un gruppo di scienziati ha individuato un netto aumento del rischio di mortalità per […]