Quale anticoncezionale usare dopo i 40 anni?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una delle domande più frequenti è che tipo di anticoncezionale si può utilizzare dopo i 40. Ovviamente per qualunque decisione è opportuno consultare il proprio medico così da avere un’analisi accurata di tutto. Oltre il preservativo che protegge da malattie e gravidanze indesiderate, ci sono altri metodi. Scopriamo quali!

Quale anticoncezionale è bene utilizzare dopo i 40?

Ci sono diversi metodi contraccettivi che si possono utilizzare.

  • ormonali (varie combinazioni di ormoni assunti per bocca, attraverso la pelle o per via vaginale)
  • meccanici (profilattico, spirale intrauterina),
  • meccanici/ormonali (la spirale intrauterina al progesterone)

Anello vaginale è un ottimo metodo anticoncezionale

Si tratta di un sottile anello di silicone che viene posizionato in vagina alla fine del ciclo e lasciato li per 3 settimane: non si vede, non si sente, ma soprattutto non si può dimenticare di assumerlo, ed è veramente a basso dosaggio.

Cerotto ormonale

Cerotto ormonale ha subito diverse critiche da parte dell’FDA (Food and Drug Administration, l’Ente Americano che controlla i farmaci) perché rilascia una quantità di ormoni maggiore della pillola convenzionale e perché dà un rischio di trombosi vascolare leggermente superiore alle altre pillole.

Leggi anche: 6 cose da sapere sul cerotto anticoncezionale

Cos’è la pillola del giorno dopo?

Qualora ci sia una situazione di emergenza, esiste la cosiddetta pillola del giorno dopo. In realtà la sua efficacia anticoncezionale dura sino a 5 giorni. Viene utilizzata in extremis e soprattutto non bisogna abusarne perché è comunque una pillola molto potente.

La pillola anticoncezionale

Questa viene somministrata quotidianamente. Può dare un po’ di gonfiore delle mammelle, non provoca infertilità, non aumenta il rischio di tumore, migliora la pelle (riduce i punti neri e di conseguenza diminuisce la comparsa di foruncoli), nella maggior parte dei casi stabilizza l’umore bloccando i picchi ormonali del ciclo della donna. Riduce il flusso mestruale e diminuisce la dismenorrea (dolore mestruale).

Spirale intrauterina

La spirale intrauterina (IUD, Intra Uterine Device) può rispondere a questi requisiti e può essere un anticoncezionale perfetto per chi ha più di 40 anni.
Lo IUD è un piccolo pezzo di plastica con un filamento di argento o di rame, posizionato all’interno dell’utero.

Il funzionamento è basato principalmente su due meccanismi: la spirale impedisce che gli spermatozoi riescano a raggiungere e fecondare l’ovulo alterandone i movimenti e riducendo la loro sopravvivenza in utero. La spirale inoltre modifica il rivestimento interno dell’utero (endometrio) rendendolo inadatto alle gravidanze, impedendo che l’ovulo, nel caso venga fecondato, possa impiantarsi e svilupparsi nell’utero. La sua efficacia contraccettiva è alta, di poco inferiore a quella della pillola. A volte però può presentare alcuni svantaggi: in qualche caso con la spirale il flusso aumenta e può comparire spotting.

Leggi anchePillola anticoncezionale, tutti i benefici e gli effetti collaterali

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]