Semaglutide, cos’è il nuovo farmaco che farebbe dimagrire

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Esiste un nuovo farmaco che prometterebbe il dimagrimento. Si chiama Semaglutide e sembrerebbe che adesso sia introvabile. Questo è un vero problema per chi necessita di questo prodotto dal momento che cura il diabete.

Semaglutide: cos’è?

Essendo un nuovo farmaco non si conoscono ancora tutti gli effetti collaterali. La Semaglutide appartiene alla classe di farmaci chiamati agonisti del recettore glp-1 usati per contrastare il diabete. Oltre questo permetterebbe una perdita di peso considerevole, tanto che molte case farmaceutiche hanno pensato di utilizzarlo per contrastare l’obesità.

Questo rilascerebbe degli ormoni che stimolano una sensazione di pienezza, riducendo l’appetito, disattivando il potente impulso di mangiare che si annida nel cervello. Tra le celebrities che hanno ammesso di prenderlo per constare l’aumento di peso troviamo anche l’imprenditore sudafricano Elon Musk.

Quali sono i suoi effetti collaterali?

Però i medici italiani invitano alla prudenza dal momento che ancora non si sa con esattezza cosa comporta. Infatti, numerosi trattamenti per la perdita di peso in passato hanno causato gravi complicazioni come l’ipotiroidismo o ipertiroidismo.

Qualora il dosaggio sia basso, gli effetti collaterali, come vomito e diarrea, sono stati lievi. Nel caso in cui questo sia più alto, si rischia qualcosa di più complesso. Infatti, gli studi sugli animali hanno mostrato una maggiore incidenza di cancro alla tiroide e il Semaglutide è associato a una rara pancreatite e ancora poco si sa sugli effetti del loro utilizzo durante o appena prima della gravidanza.

I governi dovrebbero, quindi, garantire questo farmaco a chi ne ha veramente bisogno e promuovere uno stile di vita sano per mantenere il corpo in salute e non farmaci per la perdita di peso.

L’opinione degli esperti

A pronunciarsi a riguardo è Marco Chianelli, coordinatore della Commissione Obesità e Metabolismo dell’Associazione Medici Endocrinologi all’AGI.

“Semaglutide, che si somministra tramite un’iniezione a settimana, è un composto simile ad ormoni naturalmente presenti nel nostro organismo, detti glucagon like peptide 1 (GLP1). Il farmaco non solo regolarizza il metabolismo, ma interviene sulle principali cause dell’obesità: riduce la pulsione verso il cibo e aumenta il senso di sazietà determinando una riduzione dell’introito calorico. Finché viene assunto, il farmaco mantiene la sua efficacia, non solo nella riduzione del peso corporeo, ma anche nel miglioramento di dislipidemia, ipertensione e glicemia, che aumentano il rischio cardiovascolare. Il farmaco è stato già approvato dall‘Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), ma al momento non è prevista la rimborsabilità da parte del Servizio sanitario nazionale, contrariamente a quello che accade per il diabete”.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

La colazione è uno dei pasti più importanti, in grado di fornire al nostro corpo l’energia di cui ha bisogno per iniziare la giornata con il piede giusto. Per coloro che seguono una dieta a basso contenuto di carboidrati, la scelta degli alimenti giusti al mattino può essere determinante per mantenere stabili i livelli di […]

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Qualsiasi prestazione sportiva deve essere accompagnata non solo da un’adeguata preparazione atletica, ma anche da un attento lavoro di psicologia, capace di potenziare la concentrazione sotto stress e la costanza durante l’allenamento. Esistono tante tecniche che i professionisti dello sport utilizzano e che possono tornare utili nella vita di tutti i giorni. Scopriamo sette strategie […]