Quando il piacere sessuale si confonde con il piacere carnale

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Nonostante l’esplosione di informazioni sul tema della sessualità, in buona parte delle coppie italiane il livello di ignoranza, in questo ambito, è ancora sconcertante, a causa del gran numero di convinzioni erronee ed atteggiamenti disfunzionali: sia da parte maschile, quando la tenerezza viene confusa con la debolezza e quindi evitata, sia quando la donna, sotto la spinta di una emancipazione integrale, cerca (a volte può anche esigere) prestazioni di virilità, come se il maschio fosse una macchina sessuale agente a comando per un proprio piacere personale.

Affettuosità, effusioni non sessuali ed emozioni tenere diventano imbarazzanti, poco virili, non necessarie, quindi inutili quando ci si aspetta una intimità, esclusivamente genitale, che coinvolge solo due corpi, dove sesso e rapporti sessuali coincidono.  Tante coppie limitano i loro contatti fisici al rapporto sessuale “di solo penetrazione”, spesso silenzioso, routinario e a scadenze periodiche, privandosi del piacere personale, più ampio, di una esperienza integrata fatta di propriocezioni, sensazioni coinvolgenti tutti i sensi, emozioni positive, immagini mentali, pensieri.

Tutto ciò in armonia con una certa cultura che enfatizza la competitività, la velocità, il raggiungimento di obiettivi prefissati, atteggiamenti doveristici, diffusi e condizionanti, che spesso ci portiamo pure in camera da letto. Il sesso con il partner non è come lo si vede nei film erotici o lo si legge in certi romanzi! Un’attività sessuale appagante non dipende, come erroneamente si può credere, dagli organi genitali, ma dall’atteggiamento mentale che vede il sesso come una ricerca di piacere personale, non esclusivamente genitale:  solo piacere (senza doveri, prestazioni, obiettivi fissi) e comunque condiviso con l’altro, con un partner con cui si condivide un progetto comune e sentimenti d’amore, stima e reciproco rispetto.

Pertanto una sessualità felice comporta di “disimparare” schemi comportamentali, agiti acriticamente e abitudinariamente, derivanti da convinzioni per lo più stereotipate, imparando invece a concentrarsi su di sé e ad ascoltare solamente le proprie sensazioni corporee piacevoli comunicandole reciprocamente, attraverso contatti fisici inesigenti, non necessariamente genitali, per raggiungere una completa intimità, non solo sessuale.  Si tratta di un nuovo modo di vivere il proprio piacere sessuale, inesigente e liberamente, senza ansie, paure, vergogne, colpe, doveri, prestazioni agite ed attese, obiettivi fissi, come purtroppo succede sovente, prima di accorgersi di avere acquisito una disfunzione sessuale.

A volte alberghi, stanze di amici e ambienti nuovi, lontano dalla quotidianità, aiutano a decondizionarsi da abitudini radicate (spesso trasformatesi in vere e proprie disfunzioni), consumate in stanze da letto o in automobile, e a trovare un migliore entusiasmo che ravviva la vita di coppia.

Professor Paolo Zucconi, psicoterapeuta e sessuologo clinico comportamentale, psicologo legale a Udine

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]

Le cisti ovariche sono sacche piene di liquido che si formano all’interno o sulla superficie delle ovaie. La maggior parte delle donne svilupperà almeno una cisti ovarica nel corso della vita, spesso senza nemmeno rendersene conto. Sebbene molte cisti siano innocue e si risolvano da sole, alcune possono causare sintomi o complicazioni che richiedono un […]