Quali sono i segreti per mantenere il fegato sano?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Per mantenere il proprio fegato sano è opportuno seguire uno stile di vita ben preciso così da garantire a se stessi benessere. Con i giusti trucchetti, nuove abitudini e una corretta idratazione riuscirete ad ottenere i risultati sperati. Scopriamo insieme come!

Mantenere il fegato sano: occhio alla dieta!

Il primo step da controllare è il proprio regime alimentare. Grazie ad una dieta bilanciata è possibile mantenere il proprio fegato in salute. Alcuni alimenti sono particolarmente benefici per il fegato, come frutta, verdura, cereali integrali, legumi, noci e semi. Questi alimenti sono ricchi di antiossidanti, vitamine e minerali che supportano la funzione epatica e proteggono le cellule del fegato dai danni causati dai radicali liberi.

No ai grassi saturi

Evitate grassi saturi, zuccheri raffinati e cibi processati è fondamentale per la salute del fegato. Questi alimenti possono sovraccaricare l’organo e portare all’accumulo di grasso, causando danni a lungo termine. Un altro aspetto da non sottovalutare è il consumo dell’alcol: da evitare o moderarne l’assunzione perché si rischia di appesantire il fegato. Per tale ragione è opportuno bere acqua a sufficienza aiuta a mantenere il fegato idratato. Inoltre favorisce l’eliminazione delle tossine attraverso l’urina.

Attività fisica è un toccasana per il proprio fegato

Anche se può non piacere, l’esercizio fisico è un ottima medicina dal momento stimola la circolazione sanguigna. Controlla inoltre il peso corporeo e a ridurre il grasso addominale, che è associato a un aumento del rischio di malattie del fegato. Anche camminare può risolvere il problema. Qualora vi piaccia lo sport potete optare per il nuoto anche. Cercate infine di dedicarvi almeno 30 minuti al giorno, almeno 5 giorni alla settimana.

Da limitare l’assunzione di farmaci

Il fegato si occupa della metabolizzazione dei farmaci e delle sostanze chimiche che introduciamo nel nostro corpo. Se l’assunzione di farmaci è eccessiva e prolungata nel tempo, può essere un problema per il fegato. Dunque è bene consultare sempre un professionista sanitario prima di assumere nuovi farmaci.

Inoltre, evitate l’esposizione a sostanze chimiche tossiche, come pesticidi, solventi industriali e prodotti per la pulizia contenenti agenti chimici aggressivi. Indossate dispositivi di protezione quando sei a contatto con tali sostanze e cercate di ridurne l’uso nella tua vita quotidiana.

Prevenzione delle malattie del fegato

La prevenzione può salvare decisamente la salute del proprio fegato e ci si può sottoporre a esami del sangue per verificare i livelli di enzimi epatici e altri marcatori può aiutare a individuare precocemente eventuali anomalie nella funzione epatica.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]