Mal di testa, quando non va trascurato e andare dal medico

di Alice Marchese

Ci sono tipi di mal di testa da attenzionare più di altri. A volte può essere un semplice carico di pensieri o una giornata difficile da gestire. Altre volte qualcosa da non trascurare e quindi per cui agire. Ecco tutti i tipi di mal di testa da tenere sotto controllo!

Mal di testa: cefalee tensive

Le cefalee tensive sono legate principalmente alle ernie discali e a tutte le problematiche legate al controllo dei muscoli dorsali. Importantissimo prenderla sul nascere per evitare che la cosa peggiori . Il dolore è contraddistinto dalla bilateralità e dall’aumentare se si fa qualsiasi attività fisica. Ovviamente questo tipo di mal di testa può causare problemi non di poco conto che minano l’equilibrio quotidiano di chiunque ne sia affetto.

Emicrania

L’emicrania è un dolore estremamente invalidante che peggiora con lo sforzo fisico, con il rumore e spesso con la luce. Se gli attacchi si ripetono per oltre tre mesi, 10 giorni al mese, si parla di emicrania cronica. L’emicrania è un disturbo ricorrente la cui durata è generalmente compresa in un intervallo fra le 4 e le 72 ore (3 giorni);

Questa va tenuta sotto controllo per svariate ragioni: una tra questa è perché potrebbe essere un sintomo di qualcosa di più grave come aneurisma, ictus o ischemia. L’emicrania si definisce invece vestibolare nel momento in cui causa problemi di equilibrio e coinvolge le strutture deputate a mantenere il baricentro verticale. Anche in questo caso, effettuare una visita neurologica che fughi i dubbi sulla reale origine dell’emicrania.

Si presenta con almeno 2 delle seguenti caratteristiche:

  1. Presenza su un solo lato della testa (emicrania significa metà-teschio),
    dolore pulsante,
  2. Intensità da moderata a severa,
    peggioramento con le normali attività di routine (chinarsi, fare le scale, fare piccoli sforzi, …)

Leggi anche: Check-up completo: quando va fatto e perché

Cefalea a grappolo

Il dolore è talmente forte che spesso causa il risveglio nel sonno, con una pessima qualità della vita. Fortunatamente questo è un tipo di mal di testa raro rispetto agli altri, e quindi colpisce pochissime persone.

Un attacco è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  • Dolore severo e compare molto rapidamente, e che dura da 15 minuti a 3 ore,
    ma spesso più volte al giorno; nei periodi attivi si possono contare da 1 a 3 attacchi al giorno, spesso di notte.
  • Il dolore si concentra su un unico lato della testa, di norma attorno all’occhio,
    lacrimazione,
  • Congestione nasale e naso che cola,
  • Rimpicciolimento delle pupille (miosi),
  • Aumento della sudorazione in viso.

Cosa fare?

In questi casi bisognerebbe agire sulla qualità della vita prima che questo malessere possa degenerare. Solitamente il mal di testa da attenzionare è legato allo stress. In momenti estremamente complessi da gestire anche una patologia del genere può creare tensione, dunque è importantissimo consultare il proprio medico per evitare di auto diagnosticarsi.

Uno degli step fondamentali è quello di eliminare lo stresso: ovvero di cercare di migliorare lo stile di vita, in modo da riuscire ad eliminare i fattori di stress e quindi a migliorare le problematiche legate al mal di testa.

Leggi anche: Depressione, quali sono i campanelli d’allarme


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

Negli ultimi giorni stai facendo i conti con una fastidiosa infiammazione? Quella sensazione di bruciore non ti lascia svolgere le tue attività quotidiane in modo sereno? Non preoccuparti, su Tuttofarma.it è disponibile una vasta gamma di antinfiammatori che possono aiutarti. L’infiammazione è un meccanismo di difesa dell’organismo ed è indispensabile per la nostra salute. Quando […]