La fluidità sessuale e le nuove generazioni: parliamone!

di cinziaR


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’identità sessuale non è una proprietà, data dalla nascita e mai più modificabile, ma un processo in continuo divenire che tende alla definizione di una coerente stabilità tra percezione di sé e proprio sesso biologico. L’identità sessuale, perciò, può anche essere definita “sessualità fluida“, o identità sessuale fluida.

Che cosa si intende con questo concetto e in che modo la “questione” riguarda i giovani?

In realtà, la sessualità fluida può riguardare tutti, nonostante ognuno di noi si sia riconosciuto, sin da piccolissimo, in una specifica identità sessuale (maschio/femmina, bambino/bambina, uomo/donna).

In Italia, la fluidità sessuale è diventata oggetto di uno studio chiamato fluIDsex, ovvero di un vero e proprio progetto universitario, condotto dagli psicologi dell’Università Sigmund Freud University di Milano, insieme ad un gruppo di adolescenti che partecipano alla sperimentazione sul campo.

Alla base del concetto di identità sessuale fluida c’è l’esigenza di creare nuove categorie identitarie sessuali nelle quali potersi riconoscere quali ad esempio, pansessuale, polisessuale, gender fluid, no gender…

L’obiettivo del progetto è andare oltre le sigle, costruendo una realtà che dia spazio ad ogni identità sessuale, senza mai escludere le categorie considerate “conformi”.

In molti sono, infatti, gli studiosi che credono che i tempi siano maturi per riconoscere che la sessualità o il sesso inteso anche come identità sociale è sì un elemento ben definito, ma anche altrettanto instabile e vulnerabile, motivo per cui, definirlo rigidamente per tutta la vita, e soprattutto in età giovanile, potrebbe creare in alcuni casi delle storture e delle sofferenze che sarebbe utile ridimensionare.

Con ciò, come si è detto, non si vuole screditare o sminuire l’importanza identitaria del sesso biologico, anzi! Lo studio ha come obiettivo principale quello di rendere più malleabile e accettabile la declinazione della sessualità, essa, infatti, nel corso della vita di un individuo, soprattutto in fase di crescita e di identificazione socio-sessuale, può subire varie valutazioni e rivalutazioni.

Per saperne di più visita la pagina Facebook della Dott.ssa Guarasci

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Le crisi di rabbia in alcuni bambini sono molto frequenti e, talvolta, sembrano davvero interminabili. Quali sono le motivazioni? È possibile prevenire le esplosioni d’ira dei piùpiccoli? Come intervenire e calmare il bambino? Ecco alcuni consigli utili da tenere a mente Crisi di rabbia, perché molti bambini tendono ad averle? I bambini hanno spesso crisi […]

La sindrome della capanna, o sindrome del prigioniero, è una condizione psicologica che ha guadagnato notorietà durante il periodo post-pandemia. Tuttavia, questa sindrome risale a molto prima, principalmente nei freddi Paesi nordici dell’Europa e dell’America. In queste regioni, le rigide condizioni climatiche invernali costringono le persone a rimanere isolate in casa per mesi. Una situazione […]

Viviamo in un’epoca in cui la corsa verso il successo sembra essere più veloce e frenetica che mai. Social media, aspettative sociali e pressione personale ci spingono a essere sempre migliori, più veloci e più forti. Tuttavia, in questa società frenetica per raggiungere obiettivi esterni, spesso dimentichiamo l’importanza di amare noi stessi. L’amore per se […]

L’effetto Michelangelo introduce una prospettiva positiva nelle dinamiche di coppia. Questo fenomeno rappresenta il cambiamento come un’opportunità di crescita condivisa, dove ciascun partner aiuta l’altro a diventare la versione migliore di sé. In questo contesto, la relazione non è solo basata sulla comprensione e sul rispetto, ma anche sulla condivisione degli obiettivi e sulla crescita […]

Un recente studio ha esplorato per la prima volta la fattibilità e l’efficacia del protocollo internazionale Eye Movement Desensitization and Reprocessing (Emdr) per trattare i disturbi depressivi (DeprEND) nelle persone affette da sclerosi multipla (Sm). Questo studio pionieristico, firmato da Francesco Pagnini e Cesare Massimo Cavalera dell’Università Cattolica di Milano, rappresenta un passo avanti significativo […]