Cos’è l’influenza del pomodoro che ha colpito 80 bambini in India?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Mentre il mondo continua la sua lotta contro il Covid-19 e il virus del vaiolo delle scimmie in continua diffusione, pare ci sia un’altra malattia…

Secondo uno studio del Lancet Respiratory Medicine Journal, l’influenza del pomodoro è stata identificata per la prima volta in India il 6 maggio scorso e finora ha infettato 82 bambini, tutti di età inferiore ai 5 anni.

Altri 26 bambini fino a 10 anni sono sospettati di avere la stessa influenza, come riportato dal New York Post. Prende il nome dalle vesciche rosse che compaiono sulla pelle e il nuovo virus causa febbre e dolori articolari.

“Proprio mentre stiamo affrontando la probabile comparsa della quarta ondata di Covid-19, un nuovo virus noto come influenza del pomodoro, o febbre del pomodoro, è emerso in India, nello stato del Kerala, nei bambini di età inferiore ai 5 anni”, ha riferito il Lancet.

“La rara infezione virale è in uno stato endemico ed è considerata non pericolosa per la vita. Tuttavia, a causa della terribile esperienza della pandemia di Covid-19, è auspicabile una gestione vigile per prevenire ulteriori focolai”.

Il virus è stato finora rilevato nel distretto di Kollam del Kerala, in India, e nelle aree vicine di Anchal, Aryankavu e Neduvathur.

LEGGI ANCHE: I probiotici non migliorano la salute vaginale.

“I bambini corrono un rischio maggiore di esposizione all’influenza del pomodoro perché le infezioni virali sono comuni in questa fascia di età ed è probabile che la diffusione avvenga attraverso uno stretto contatto”, ha aggiunto il rapporto pubblicato su Lancet.

I medici sostengono che l’infezione, che attualmente non ha farmaci per combatterla, è “molto contagiosa” e ha sorprendenti somiglianze con l’afta epizootica: “se l’epidemia di influenza del pomodoro nei bambini non viene controllata e prevenuta, la trasmissione potrebbe portare a gravi conseguenze, diffondendosi anche negli adulti”.

Alcuni casi, anche se molto pochi, hanno riportato un cambiamento nel colore degli arti.

“Non è una malattia mortale, ma è contagiosa e può diffondersi da persona a persona, anche se i modi reali in cui si diffonde l’infezione sono ancora in fase di studio”, ha detto a India Today il dottor Subhash Chandra, assistente professore di medicina interna presso l’ospedale Amrita.

LEGGI ANCHE: Cancro del fegato, nuovi fattori di rischio da tenere in considerazione.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]

Negli ultimi anni è sempre più diffuso il digiuno intermittente, una pratica amata per la sua capacità di far perdere velocemente peso. Recenti studi hanno evidenziato, però, alcuni rischi legati alla pratica del digiuno intermittente, scuotendo le fondamenta delle convinzioni precedenti. Un gruppo di scienziati ha individuato un netto aumento del rischio di mortalità per […]