Cos’è l’influenza del pomodoro che ha colpito 80 bambini in India?

di Redazione

Mentre il mondo continua la sua lotta contro il Covid-19 e il virus del vaiolo delle scimmie in continua diffusione, pare ci sia un’altra malattia…

Secondo uno studio del Lancet Respiratory Medicine Journal, l’influenza del pomodoro è stata identificata per la prima volta in India il 6 maggio scorso e finora ha infettato 82 bambini, tutti di età inferiore ai 5 anni.

Altri 26 bambini fino a 10 anni sono sospettati di avere la stessa influenza, come riportato dal New York Post. Prende il nome dalle vesciche rosse che compaiono sulla pelle e il nuovo virus causa febbre e dolori articolari.

“Proprio mentre stiamo affrontando la probabile comparsa della quarta ondata di Covid-19, un nuovo virus noto come influenza del pomodoro, o febbre del pomodoro, è emerso in India, nello stato del Kerala, nei bambini di età inferiore ai 5 anni”, ha riferito il Lancet.

“La rara infezione virale è in uno stato endemico ed è considerata non pericolosa per la vita. Tuttavia, a causa della terribile esperienza della pandemia di Covid-19, è auspicabile una gestione vigile per prevenire ulteriori focolai”.

Il virus è stato finora rilevato nel distretto di Kollam del Kerala, in India, e nelle aree vicine di Anchal, Aryankavu e Neduvathur.

LEGGI ANCHE: I probiotici non migliorano la salute vaginale.

“I bambini corrono un rischio maggiore di esposizione all’influenza del pomodoro perché le infezioni virali sono comuni in questa fascia di età ed è probabile che la diffusione avvenga attraverso uno stretto contatto”, ha aggiunto il rapporto pubblicato su Lancet.

I medici sostengono che l’infezione, che attualmente non ha farmaci per combatterla, è “molto contagiosa” e ha sorprendenti somiglianze con l’afta epizootica: “se l’epidemia di influenza del pomodoro nei bambini non viene controllata e prevenuta, la trasmissione potrebbe portare a gravi conseguenze, diffondendosi anche negli adulti”.

Alcuni casi, anche se molto pochi, hanno riportato un cambiamento nel colore degli arti.

“Non è una malattia mortale, ma è contagiosa e può diffondersi da persona a persona, anche se i modi reali in cui si diffonde l’infezione sono ancora in fase di studio”, ha detto a India Today il dottor Subhash Chandra, assistente professore di medicina interna presso l’ospedale Amrita.

LEGGI ANCHE: Cancro del fegato, nuovi fattori di rischio da tenere in considerazione.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

I più letti