Glaucoma, quali sono i campanelli d’allarme?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il glaucoma è una malattia del nervo ottico. Si manifesta con una perdita caratteristica delle fibre e dunque si riduce il campo visivo. Se questa non viene trattata, diventa progressiva. Il campo visivo si danneggia inizialmente nelle sue parti più periferiche, poi anche nella parte centrale, fino all’esito finale, la completa cecità.

Glaucoma: quali sono i sintomi?

Uno dei sintomi più comuni è quando ci si rende conto di avere difficoltà a vedere di lato, o in basso o in alto. In questo caso il danno al nervo ottico è già molto avanzato. La visione centrale viene in genere colpita per ultima. Per tale ragione una persona affetta da glaucoma può avere dei problemi a vedere gradini se è persa la porzione inferiore del campo visivo. Può urtare contro pareti o spigoli, avere difficoltà alla guida, notare parole mancanti durante la lettura, può mantenere una acuità visiva alta, anche i famosi “dieci decimi”.

Glaucoma, è necessario un esame della vista?

Avere un’ottima acuità visiva non è garanzia di un apparato visivo sano. Un semplice “esame della vista” non basta. Nel glaucoma acuto invece i sintomi sono generalmente evidenti:

  • Grave dolore oculare e arrossamento
  • Visione ridotta
  • Aloni colorati
  • Cefalea
  • Nausea
  • Vomito

Cause

L’occhio attiva al suo interno un ciclo costante di produzione e riassorbimento di acqua . Quest’ultimo processo avviene a livello del trabecolato. Si tratta di una porzione dell’occhio deputata appunto al deflusso dell’umore acqueo dall’interno dell’occhio verso l’esterno dell’occhio attraverso il circolo sanguigno. Se la sua funzione viene ridotta rallentando il riassorbimento dell’acqua, si verifica un aumento della pressione all’interno dell’occhio che può causare un danno al nervo ottico. Questo causa lo sviluppo del glaucoma. Esistono anche forme congenite di glaucoma, che si manifestano già alla nascita.

I Trattamenti

Il glaucoma è una malattia cronica e per tale ragione non può guarire definitivamente, mentre può e deve assolutamente essere curato per evitare la progressione alla menomazione visiva ed alla cecità.

Diversi studi hanno dimostrato che ridurre la pressione oculare riduce significativamente il rischio di progressione del glaucoma. Si tratta di una patologia curabile ed il trattamento permette di evitare la progressione della malattia in più della metà dei casi, e di evitare la cecità bilaterale nel 90% dei casi.

Nel caso della terapia è utile affidarsi ad un medico specialista oculista. Questo prescrive uno o più colliri che riducono la pressione intraoculare ed il paziente deve instillare una goccia di collirio nell’occhio una o più volte al giorno, secondo la prescrizione del medico, tutti i giorni. La regolarità nell’assunzione della terapia è fondamentale perché questa possa essere efficace.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’Australia è stata di recente colpita dall’influenza aviaria H5N1. Ad essere contagiata è stata una bambina di 2 anni e mezzo, risultata positiva e curata in terapia intensiva in un ospedale australiano dopo un viaggio in India. A dare l’annuncio è stata l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha così dichiarato: “Si tratta della prima […]

Il glifosato, un erbicida ad ampio spettro, è diventato uno degli strumenti più utilizzati nell’agricoltura moderna. Sin dalla sua introduzione sul mercato negli anni ’70 dalla Monsanto, sotto il nome commerciale di Roundup, il glifosato è stato adottato in tutto il mondo per il controllo delle erbacce. Tuttavia, il suo uso diffuso ha sollevato preoccupazioni […]

Una recente ricerca condotta dalla Cleveland Clinic e pubblicata sull’European Heart Journal ha suscitato preoccupazioni riguardo al consumo elevato di xilitolo, un noto dolcificante utilizzato in vari prodotti alimentari a basso contenuto calorico. Secondo lo studio, un’assunzione eccessiva di xilitolo potrebbe aumentare il rischio di ictus e infarti a causa della potenziale coagulazione del sangue. […]