Glaucoma: cos’è, tipi, sintomi, cause e trattamento

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il glaucoma è la seconda causa di cecità nei Paesi sviluppati. Questa patologia oculare, che colpisce dall’1 al 2% della popolazione sopra i 40 anni, ha una diagnosi purtroppo molto tardiva. E non esiste alcua cura.

Cos’è il glaucoma?

Il glaucoma appartiene alla grande famiglia delle neuropatie in cui sono raggruppati i vari disturbi che possono interessare uno o più nervi del sistema nervoso periferico. In questo caso specifico, è il nervo ottico che è soggetto ad alterazione sotto l’effetto di vari fattori.

L’ipertono oculare è, in particolare, una delle principali cause di progressiva distruzione della struttura nervosa che, a lungo termine, non funziona più correttamente, con un impatto graduale sulla vista.

Ed è questa natura progressiva che pone un problema nel contesto di questa patologia oculare perché spesso viene diagnosticata troppo tardi, di solito quando le lesioni causate sono permanenti.

Diversi tipi di glaucoma

Esistono due forme di glaucoma cronico.

Il glaucoma cronico ad angolo aperto può richiedere diversi decenni prima di causare segni caratteristici e disabilitare la vista. In lenta evoluzione, questo tipo di glaucoma provoca un danno bilaterale.

Molto meno comune è il glaucoma cronico ad angolo chiuso che progredisce molto più velocemente. In pochi mesi, il danno al nervo ottico è tale che le lesioni ottiche sono significative.

Sintomi del glaucoma

In una fase iniziale, la progressiva distruzione del nervo ottico è asintomatica e questo rende molto difficile rilevarla rapidamente.

Clinicamente, il glaucoma si manifesta con la seguente triade: atrofia del nervo ottico, pressione intraoculare elevata (o normale) e compromissione del campo visivo. Ma questi diversi disturbi non portano necessariamente a segni clinici visibili nelle fasi iniziali. I primi sintomi caratteristici di solito si verificano in una fase avanzata:

  • dolore all’occhio;
  • perdita dell’acuità visiva periferica (ai lati);
  • nebbia visiva transitoria…

Cause del glaucoma

Il 30% dei glaucomi ha un’origine ereditaria. Pertanto, il rischio aumenta se uno dei genitori ha il glaucoma.

Per il restante 70%, le cause sono ancora sconosciute. Tuttavia, diversi fattori di rischio sono stati chiaramente identificati:

  • aumento della pressione intraoculare: l’umor acqueo (liquido contenuto all’interno dell’occhio) normalmente evacuato attraverso il trabecolato può essere rallentato per vari motivi. In questo caso, la pressione all’interno del bulbo oculare aumenta e danneggia gradualmente le fibre nervose;
  • invecchiamento: l’età è un fattore di rischio significativo perché il glaucoma colpisce principalmente le persone a partire dai 40 anni e vede la sua incidenza aumentare oltre. Una persona su 10 di età superiore ai 70 anni ha il glaucoma (assicurazione sanitaria);
  • alcuni disturbi dell’occhio: miopia elevata, uveite, trauma, distacco della retina, malformazione del bulbo oculare, ecc.;
  • carnagione scura: le persone con la pelle da scura a nera hanno un rischio maggiore di sviluppare il glaucoma;
  • uso prolungato di corticosteroidi.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Trattamento del glaucoma

Se il glaucoma viene diagnosticato precocemente, è possibile limitare notevolmente i danni al nervo ottico attuando un trattamento a lungo termine.

Pertanto, la pressione intraoculare – quando presente – viene controllata attraverso vari farmaci somministrati il ​​più delle volte sotto forma di collirio. In alcuni casi è necessaria la combinazione di più medicinali.

Se questa strategia non mostra risultati sufficienti, la laser trabeculoplastica viene talvolta presa in considerazione dall’oftalmologo, volta a facilitare l’evacuazione dell’umor acqueo a livello dell’angolo iridocorneale. Se gli effetti sono generalmente notevoli, rimangono comunque temporanei.

LEGGI ANCHE: Perché sbadigliare è contagioso?

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]