Quali formaggi possiamo mangiare anche se siamo a dieta?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La dieta a volte ci obbliga a dire di no ad alcuni alimenti che ci stanno a cuore tra questi i formaggi. Ma sapevi che ne esistono alcuni che possiamo includere comunque nel nostro regime alimentare? Scopriamo quali!

Quali formaggi preferire se siete a dieta

Qualora si stia parlando di una dieta dimagrante o che non preveda il consumo di grassi, i formaggi da preferire sono quelli freschi come ricotta, stracchino o mozzarella. Infatti, contenendo più acqua, hanno una ridotta quantità di grassi e sale, rispetto a quelli stagionati.

La ricotta

La ricotta tra tutti i latticini è la scelta più giusta. Ha un apporto energetico medio, paragonabile a quello di una carne mediamente grassa o a un salume magro.

Fornisce proteine di alto valore biologico, con tutti gli aminoacidi essenziali nelle giuste quantità. L’apporto calorico è piuttosto basso, 174 kcal per 100 g, così come il contenuto di grassi (10,9 g per la stessa quantità di prodotto commestibile). Nel caso in cui si tratti di una dieta dimagrante, la ricotta è un’ottima fonte di sieroproteine, ovvero proteine del latte derivate dal siero e non dalla caseina. Infatti, queste contengono aminoacidi (valina, leucina e isoleucina) che stimolano la crescita muscolare. Infatti, sono molto utilizzate dagli sportivi, e inibiscono l’appetito, quindi sono ideali da consumare a dieta.

Lo stracchino tra i formaggi da dieta

Lo stracchino ha un’elevata quantità di calcio, ben 567 mg per 100 g, e di fosforo (374 mg per 100 g), fondamentali per vari processi metabolici, per la salute di ossa, denti e muscoli. Sono dei toccasana anche per debolezza e stanchezza fisica e mentale. L’apporto calorico è di 300 kcal e i grassi sono 25,1 g per 100 g. Quindi è comunque consigliabile mangiarlo con moderazione, anche per il significativo contenuto di sale.

La mozzarella

La mozzarella, oltre a contenere proteine di alto valore biologico, è ricca di potassio, fosforo, magnesio e calcio, molto importante nella trasmissione di informazioni all’interno della cellula in qualità di messaggero. Contiene 253 calorie ogni 100 g ed è un alimento consentito anche nei regimi alimentari ipocalorici, perché non così ricco di grassi come si tende a pensare (19,5 g su 100 g di prodotto commestibile).

La feta

Attenzione alla feta per l’alto contenuto di sodio, circa 1440 mg per 100 g di prodotto commestibile, molto simile a quello contenuto nei formaggi stagionati.

La crescenza

La crescenza è una vera goduria, può essere spalmata sul pane tostato ma può essere mangiata anche da sola. È ricca di calcio, magnesio e vitamina A e apporta 281 Kcal per 100 grammi.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’Australia è stata di recente colpita dall’influenza aviaria H5N1. Ad essere contagiata è stata una bambina di 2 anni e mezzo, risultata positiva e curata in terapia intensiva in un ospedale australiano dopo un viaggio in India. A dare l’annuncio è stata l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha così dichiarato: “Si tratta della prima […]

Il glifosato, un erbicida ad ampio spettro, è diventato uno degli strumenti più utilizzati nell’agricoltura moderna. Sin dalla sua introduzione sul mercato negli anni ’70 dalla Monsanto, sotto il nome commerciale di Roundup, il glifosato è stato adottato in tutto il mondo per il controllo delle erbacce. Tuttavia, il suo uso diffuso ha sollevato preoccupazioni […]

Una recente ricerca condotta dalla Cleveland Clinic e pubblicata sull’European Heart Journal ha suscitato preoccupazioni riguardo al consumo elevato di xilitolo, un noto dolcificante utilizzato in vari prodotti alimentari a basso contenuto calorico. Secondo lo studio, un’assunzione eccessiva di xilitolo potrebbe aumentare il rischio di ictus e infarti a causa della potenziale coagulazione del sangue. […]