Come reagisce il cervello femminile agli stimoli sessuali

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La reazione del cervello agli stimoli sessuali

Gli scienziati dell’Università libera di Berlino hanno raggiunto importanti conclusioni attraverso uno studio pubblicato sul Journal Of Neuroscience. Hanno analizzato il modo in cui il cervello femminile reagisce agli stimoli sessuali, evincendo così alcune conclusioni utili all’ambito scientifico.

La zona cerebrale legata al modo in cui il corpo femminile reagisce agli stimoli nel corso di un rapporto sessuale varia da una donna all’altra e risulta alterata in base alla frequenza delle attività sessuali. Questa la conclusione cui sono arrivati i ricercatori tedeschi. Scopriamo meglio cosa hanno analizzato e quali sono le conseguenze di ciò che hanno scoperto.

Gli autori hanno spiegato che la corteccia somatosensoriale raccoglie gli stimoli derivanti dalla sensazione del tocco da ogni parte del corpo. Identificare la posizione esatta delle risposte associate al campo genitale femminile, tuttavia, può non essere un’operazione molto semplice. Alcuni studi già realizzati in passato, infatti, avevano prodotto risultati contrastanti a causa di metodi di mappatura poco precisi.

Il team di ricerca dell’Università libera di Berlino, guidato da Andrea J.J. Knop, ha utilizzato delle tecniche di risonanza magnetica funzionale (fMRI). In questo modo ha potuto mappare l’esatta rappresentazione dei genitali femminili, misurando la risposta del cervello alla vibrazione di una membrana nella regione del clitoride.

Lo studio è stato pensato e realizzato al fine di valutare con la massima attenzione qualunque potenziale disagio o sensazione di piacere legata alla stimolazione di una regione così sensibile. Gli autori della ricerca hanno spiegato che lo spessore del campo genitale variava con la frequenza dei rapporti sessuali.

La regione, dunque, si ispessiva in caso di intervalli più ravvicinati tra i rapporti, il che suggerisce che la struttura della regione può risultare alterata in relazione alla sua attività. Volendo tradurre in termini più comprensibili anche ai non addetti ai lavori, i risultati rivelano l’importanza di realizzare ricerche in futuro sul ruolo del campo genitale nella relazione sessuale sana, nella disfunzione sessuale e soprattutto nelle conseguenze a lungo termine dell’abuso sessuale.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]

Negli ultimi anni è sempre più diffuso il digiuno intermittente, una pratica amata per la sua capacità di far perdere velocemente peso. Recenti studi hanno evidenziato, però, alcuni rischi legati alla pratica del digiuno intermittente, scuotendo le fondamenta delle convinzioni precedenti. Un gruppo di scienziati ha individuato un netto aumento del rischio di mortalità per […]