Agonismo sportivo dopo i 50 anni: pro e contro

di Elisa Malizia


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Praticare sport è sempre consigliato, anche una semplice camminata può aiutarci a mantenere efficiente l’organismo, ma bisogna rispettare delle piccole regole per non incappare in incidenti e infortuni, specialmente dai 50 anni in poi. Già verso i 40 anni, i muscoli e le articolazioni diventano più deboli, soprattutto in quelle persone che non hanno mai praticato sport in maniera regolare. Inoltre, il sistema cardiocircolatorio lavora con più fatica, quindi è necessario prestare la massima attenzione e sottoporsi periodicamente ad esami clinici, come l’elettrocardiogramma.  Intorno ai 50 anni è possibile iniziare a soffrire di osteoporosi; per evitare danni, scegliete attività dolci, come il nuoto, evitando quelle che mettono a dura prova le articolazioni, come la corsa.

I pro dell’attività sportiva sono noti: metabolismo attivo, cuore più in forma, muscoli più atletici, meno difficoltà respiratorie. Tutti questi pro possono diventare contro se chi pratica sport non presta attenzione ai segnali del proprio corpo. Avere il fiatone, ad esempio, è normale, ma se diventa una fatica respirare e si aggiungono sintomi come dolore toracico, vertigini, ronzii o disturbi della vista, bisogna fermarsi immediatamente e contattare un medico.

Dopo i 50 anni l’attività sportiva va intesa come vita all’aria aperta  e l’agonismo andrebbe messo da parte. È importante sottoporsi a visite mediche periodiche e ad esami sotto sforzo, per sondare lo stato del sistema cardiocircolatorio. In definitiva, dunque, lo sport fa benissimo ad ogni età, ma senza esagerare e, soprattutto, ascoltando ogni segnale del corpo.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]