Acquagym calorie bruciate a gogò! Scopri come con i giusti esercizi

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Vuoi perdere peso e bruciare calorie senza versare una goccia di sudore?

La risposta è acquagym!

Questo allenamento con 6 semplici esercizi fatti in acqua permettono di bruciare calorie a go go, scolpire gli addominali, allineare la struttura scheletrica e rassodare i muscoli delle gambe.

L’acquagym permette di bruciare quintali di calorie più facilmente che con altre discipline sportive– spiegano gli esperti -.

Semplicemente stare a galla può far bruciare 11 calorie al minuto. Per bruciarle correndo ci vuole molto più tempo!

Inoltre, la resistenza esercitata sul corpo dall’acqua lo costringe a sfruttare più muscoli in una vasta gamma di movimenti naturali. Ciò permette di rassodare a vari livelli i diversi muscoli.

L’ideale per bruciare calorie è eseguire diverse ripetizioni di ogni esercizio, fare 30 secondi di riposo, quindi ripetere. Tutto ciò di cui ci sarà bisogno sarà un pallone da spiaggia o della classica ball da pilates e fitness, ma ricordate che più grande è la palla, più arduo sarà l’allenamento.

I 6 esercizi di acquagym per bruciare calorie

  • Esercizio n. 1: Stando in acqua senza la palla, piegare il bacino in giù come si vede nel video e spingere le gambe in avanti per riscaldare gambe e addominali.
  • Esercizio n. 2: Posizionate la palla sulla pancia e abbracciatela. Spingete con i piedi paralleli al vostro corpo l’acqua in avanti facendo lavorare gli addominali, le gambe, la spalla e i fianchi. Ruotate il corpo in una spirale prima destra e poi a sinistra sempre tenendovi alla palla.
  • Esercizio n. 3: Con la pancia e la testa in acqua, mettete le mani dritte sopra di voi tenendo la palla. Tenendovi a galla con la palla, immergete la testa in acqua dopo aver preso fiato e nuotate con le gambe e i piedi per 8-10 secondi. Emergete dall’acqua, spingendo la palla sotto le vostre gambe.
  • Esercizio n. 4: Con il bacino immerso in acqua, piedi e testa fuori, incrociate i piedi e nuotate con le braccia per 10 secondi. Ripetete e fate 2 serie da 10 bracciate circa.
  • Esercizio n. 5: Stando in piedi in acqua a gambe leggermente divaricate, saltate in alto aprendo contemporaneamente gambe e braccia. Ripetete 3 volte prima di riposare.
  • Esercizio n. 6: Semplicemente stando a galla, sollevate una gamba per volta fino a far emergere dall’acqua la punta del piede. Fate 3 serie per gamba.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]