Aborto spontaneo, nuovo test per misurare se una donna incinta sia a rischio

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un nuovo test sviluppato dai ricercatori della Columbia University di New York, Stati Uniti d’America, potrebbe aiutare le donne in gravidanza a capire se il loro feto in via di sviluppo sia a maggior rischio di aborto spontaneo.

Il test è chiamato Short-read Transpore Rapid Karyotyping (STORK): è meno costoso e richiede meno tempo rispetto a quelli che utilizzano campioni raccolti da test prenatali standard.

Lo studio è stato condotto dagli scienziati del Columbia University Fertility Center e della Columbia University Irving Medical Center ed è supportato dal National Institutes of Heath (NIH).

Il test, attualmente in attesa di autorizzazione dal Dipartimento della Salute dello Stato di New York, rileverebbe i cromosomi in eccesso o mancanti. “Nel complesso, lo studio mostra che STORK è paragonabile ai test clinici standard e presenta molti vantaggi”, ha osservato il NIH in un comunicato stampa.

LEGGI ANCHE: In cosa consiste l’aborto volontario?

E ancora: “STORK è più veloce e fornisce risultati in poche ore anziché in diversi giorni. È anche più economico: il team di studio stima che STORK possa costare meno di 50 dollari per campione (circa 50 euro), se vengono analizzati 10 campioni contemporaneamente, o fino a 200 dollari se un campione viene eseguito da solo. STORK può anche essere eseguito presso il point-of-care di un paziente, eliminando la necessità di spedire un campione a un laboratorio clinico”.

Questo test potrebbe anche essere utilizzato per valutare gli embrioni prodotti tramite la fecondazione in vitro prima che vengano impiantati.

Gli attuali test genetici prenatali costano migliaia di euro e richiedono giorni o addirittura settimane per dare i risultati, aggiungendo allo stress, sia emotivo che finanziario, il trattamento della fertilità e la gravidanza. Attualmente, i test genetici sono consigliati solo se una persona ha avuto più aborti spontanei, ma STORK può essere offerto dopo un singolo aborto spontaneo.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco contro l’aborto.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]