4 controindicazioni dello zenzero che dovresti conoscere

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

[multipage]
Lo zenzero, o ginger, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Zingiberacee. È una spezia dal sapore piccante, che cresce in zone tropicali ma che può essere coltivata anche in vaso. Lo zenzero è conosciuto soprattutto per le sue proprietà tonificanti, stimolanti, digestive e  antinfiammatorie. La parte medicinale dello zenzero è il rizoma, che tutti erroneamente chiamano radice, ed è un rimedio per la nausea e per tutto l’apparato digerente, per gli stati influenzali e di raffreddamento, è un alleato del cuore per la sua funzione di anticoagulante, abbassa il colesterolo, accelera il metabolismo e riduce il senso di fame. Vi siete mai chiesti se esistono interazioni o effetti collaterali dello zenzero? Scopriamo insieme 4 controindicazioni dello zenzero che dovresti conoscere per farne un migliore uso!

[/multipage]

[multipage]

1. Irrita chi soffre di colon irritabile

ginger

Chi soffre di colon irritabile dovrebbe limitare l’uso di zenzero poiché il suo effetto stimolante potrebbe esprimersi a carico della muscolatura dell’intestino, andando a sollecitare e irritare ancora di più l’intestino. Al contrario, le proprietà dello zenzero sono utili per chi soffre di stitichezza.

[/multipage]

[multipage]

2. È sconsigliato per chi ha problemi gastrici

ginger 1

Lo zenzero è da evitare se si soffre di problemi gastrici e di patologie come la gastrite, perché potrebbe favorire la comparsa di ulcere a carico dello stomaco. Prima di assumere lo zenzero è bene consultare il proprio medico per stabilire la possibilità o meno di consumarlo e in quali dosi.

[/multipage]

[multipage]

3. Evitate di assumere zenzero con alcuni farmaci

zenzero2

Se state assumendo farmaci antinfiammatori e ipotensivi è meglio evitare l’assunzione di zenzero. Considerato il suo l’effetto fluidificante del sangue, è preferibile consultare il medico prima di fare uso di zenzero se si stanno assumendo farmaci antiaggreganti e anticoagulanti, come Cardioasprinina, Coumadin e simili.

[/multipage]

[multipage]

4. Controllare l’assunzione di zenzero in gravidanza

zenzero3

Nonostante le proprietà antinausea dello zenzero in gravidanza, bisogna evitare di farne un uso smodato poiché alcune sostanze contenute nel rizoma sono riconosciute come mutagene e quindi in grado di provocare malformazioni nel feto. Proprio per questo è importante rivolgersi al proprio ginecologo per avere indicazioni precise in merito.

[/multipage]

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]

Le cisti ovariche sono sacche piene di liquido che si formano all’interno o sulla superficie delle ovaie. La maggior parte delle donne svilupperà almeno una cisti ovarica nel corso della vita, spesso senza nemmeno rendersene conto. Sebbene molte cisti siano innocue e si risolvano da sole, alcune possono causare sintomi o complicazioni che richiedono un […]