09 Maggio 2017 |

Premenopausa: i sintomi e cosa fare

di Danila

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
cambiamenti menopausa

Tutto quello che c’è da sapere sulla premenopausa, il periodo che precede la menopausa vera e propria con sintomi più o meno blandi. Cosa fare e come comportarsi per affrontare al meglio questa fase della vita?

La parola “premenopausa” a noi donne fa quasi paura, probabilmente perché per noi spesso è sinonimo di vecchiaia e di qualche piccolo effetto collaterale: blandi disturbi che comunque, con le dovute precauzioni e grazie alle indicazioni del medico, si possono tenere sotto controllo. Dunque cerchiamo di fare il punto della situazione sui sintomi della premenopausa, il periodo che anticipa la menopausa: come riconoscerli e cosa fare?

All’inizio questi disturbi sono abbastanza lievi, anche se dalla premenopausa alla menopausa vera e propria possono passare diversi mesi. Questa è la fase in cui una donna ha ancora il ciclo ma non è più costante, per cui non si risulta molto fertili. Mediamente le donne entrano in menopausa intorno ai  45 e i 50 anni, per cui la premenopausa può presentarsi anche qualche anno prima.

Segnali e sintomi della premenopausa

Durante la premenopausa, almeno all’inizio, di solito tendono a presentarsi sintomi leggeri come le vampate di calore o i giramenti di testa, a cui si aggiungono frequenti emicranie, tachicardia lieve, irritabilità, depressione, ansia e sudorazione notturna. In generale c’è da dire che la premenopausa viene vissuta da ogni donna come una sorta di malessere, sia per via di questi piccoli sintomi sia per un questione psicologica che ci porta a pensare alla menopausa come l’inizio di una fase della vita in cui stiamo invecchiando. Un altro effetto collaterale della premenopausa senza dubbio riguarda l’aumento del peso corporeo dovuto al calo degli estrogeni, che a sua volta viene complicato da cause si natura psicologica: in breve, chi è molto nervoso o in ansia tende a mangiare di più e a coccolarsi con il cibo. Nella menopausa vera e propria a questi sintomi più blandi se ne accompagnano degli altri, come per esempio l’incontinenza urinaria, l’osteoporosi, la secchezza della pelle e dei capelli e una maggiore evidenza delle rughe. E infine a risentirne è anche la vita sessuale: i rapporti possono essere dolorosi ma può anche venir meno il desiderio dell’altro sesso.

Rimedi contro i sintomi della premenopausa

La premenopausa non è una malattia, quindi sarebbe inappropriato parlare di cura, ma ovviamente è possibile seguire alcuni consigli per rendere più leggeri questi disturbi. Se si soffre di vampate di calore, per esempio, è importante indossare capi freschi e in cotone; in caso di emicrania continua bisogna chiedere consiglio al medico, ma è importante soprattutto seguire una dieta sana e praticare attività fisica per beneficiarne sotto vari punti di vista. Possono essere utili in tal senso anche gli integratori di vitamine e sali minerali; in ogni caso, non appena si presentano i primi sintomi, è bene consultare il proprio medico. Inoltre bisogna considerare che se si riesce ad affrontare al meglio la premenopausa, in genere si arriva in condizioni migliori, sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico, alla menopausa vera e propria.