Si possono mangiare le cozze in gravidanza?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una delle domande più frequenti relativi alla dolce attesa è: ma è possibile mangiare le cozze in gravidanza? Le cozze sono tra i frutti di mare più amati e utilizzati nella nostra cucina. Costano poco, sono gustose e in più contengono l’importante vitamina B12.

Mangiare cozze in gravidanza: controindicazioni?

A quanto pare le future mamme possono mangiare le cozze, ma solo ed esclusivamente cotte e comunque limitandone il consumo. Dunque la risposta è sì, ma ovviamente bisogna essere moderati.

Le cozze hanno alcune controindicazioni e il loro consumo può portare alcuni rischi. Tra le controindicazioni l’alta presenza di sodio, dunque da evitare nel caso soffriate di ipertensione. E in generale da evitare un consumo eccessivo durante la gravidanza.
Una delle preoccupazioni frequenti delle donne gravide è il livello di mercurio negli alimenti provenienti dal mare. Le cozze hanno livelli bassissimi di mercurio (idem le vongole e altri molluschi) quindi sono considerate sicure.

Ovviamente, come sempre quando si parla di dieta, tutto dipende dalla quantità, quindi ribadiamo che il consumo va limitato. Non mangiatele tutti i giorni!

Cozze in gravidanza, i consigli

Oltre a queste piccole controindicazioni, ricordiamo che le cozze, filtrando e assorbendo l’acqua di mare, possono trasportare agenti patogeni e provocare virus di vario genere. Questo però è un problema solo se vengono consumate crude o poco cotte o se si tratta di cozze conservate male o dalla provenienza non chiara.

La cottura è fondamentale

Il consiglio per le donne in gravidanza dunque è quello di consumare le cozze con moderazione ed esclusivamente cotte. L’apporto calorico è basso e, come già detto, è notevole la presenza di vitamina B12, ma anche ferro, sali minerali e vitamina C. Ecco i consigli per chi vuole mangiare le cozze in gravidanza.

  • Mangiare solo ed esclusivamente cozze COTTE. Mai crude.
  • Limitarne il consumo, sia per quantità sia per frequenza.
  • Assicurarsi che siano ben pulite
  • Non mangiare le cozze che non si sono aperte
  • Acquistare cozze sicure, con indicazioni precise sulla provenienza
  • Conservarle nel modo adeguato in modo da rischiare contaminazioni
  • Inutile dire che questi sono i consigli che valgono per tutte le donne, anche quelle non incinte, e anche per gli uomini.
  • Dunque, in conclusione, le cozze possono essere consumate in gravidanza con moderazione. Se proprio volete evitare cibi anche solo lontanamente a rischio evitatele e aspettate qualche mese.
  • Altrimenti, se proprio non resistete di fronte a un piatto di spaghetti con le cozze o una zuppa di cozze, assaggiate pure, purché vengano rispettati i consigli appena visti.

Come preparare le cozze

L’odore deve essere quello del mare, gradevole e dal tocco salmastro, senza tracce ammoniacali.

Una volta acquistate, la superficie esterna va pulita accuratamente. In molte preparazioni, infatti, si cucinano con il guscio. È importante eliminare tutti i residui di sabbia e fango e liberarla dalle incrostazioni che potrebbero sciogliersi in cottura. Per le cozze, poi, è essenziale eliminare il bisso, la barba fibrosa attaccata al guscio. Per preservare gusto e digeribilità, solitamente cozze e vongole vengono cotte per un tempo molto breve. Impossibile, però, farlo in gravidanza. La cottura in acqua bollente, per sicurezza, deve essere di almeno 15 minuti.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Tra le più comuni convinzioni alimentari c’è il divieto di mangiare le uova per chi è a rischio di patologie cardiovascolari. Si tratta di uno dei miti più radicati, ora un nuovo studio ha finalmente sfatato questa convinzione, dimostrando che l’inclusione delle uova nella dieta quotidiana non ha effetti negativi sui livelli di colesterolo, neanche […]

Quando si parla di colazione uno degli errori che commettiamo più spesso è quello di prediligere una colazione dolce ricca di biscotti, dolci e prodotti da forno. Vuoi per ragioni di marketing dell’industria alimentare, vuoi per una tradizione consolidata gli italiani amano fare colazione con cibi ricchi di zuccheri e grassi come cornetti, pasticcini e […]

L’acrilammide è un composto chimico che si forma naturalmente durante il processo di cottura ad alte temperature di alcuni alimenti amidacei, come patate, cereali e caffè. Questo composto è stato oggetto di crescente preoccupazione nella comunità scientifica a causa dei potenziali rischi per la salute associati al suo consumo. La formazione di acrilammide avviene principalmente […]

Nella ricerca del benessere e della salute del proprio corpo, uno dei concetti più dibattuti è quello di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata. Tra le varie componenti nutritive della nostra dieta, i carboidrati non possono certo mancare. Non tutti i carboidrati sono però uguali e il loro impatto sulla nostra salute può variare notevolmente in […]