Che cosa sono gli Shirataki, i finti spaghetti per chi vuole perdere peso

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Gli shirataki sono un tipo di noodle tradizionale giapponese che sta guadagnando popolarità in tutto il mondo per le sue proprietà uniche e i suoi benefici per la salute.

Questi noodles sono realizzati dalla radice di konjac, una pianta che cresce in alcune parti dell’Asia. Il nome “shirataki” significa “cascata bianca”, un riferimento all’aspetto traslucido e alla consistenza liscia di questi noodles.

Origini e produzione degli shirataki

La pianta di konjac, conosciuta anche come Amorphophallus konjac, è utilizzata da secoli in Giappone e in altre culture asiatiche non solo per l’alimentazione ma anche per scopi medicinali. La radice della pianta viene macinata in una farina, che viene poi miscelata con acqua e un po’ di calce alimentare per formare una gelatina. Questa miscela viene estrusa in forma di noodles e confezionata in acqua per mantenerne la freschezza.

Proprietà nutrizionali

Una delle caratteristiche più sorprendenti degli shirataki è il loro contenuto calorico estremamente basso. Infatti, una porzione di shirataki contiene solo poche calorie, rendendoli un’opzione ideale per chi cerca di perdere peso o mantenere un regime alimentare ipocalorico. Questo è dovuto al fatto che sono composti principalmente da acqua e glucomannano, una fibra dietetica solubile.

Benefici per la salute

Oltre a essere a basso contenuto calorico, gli shirataki offrono vari benefici per la salute. Il glucomannano, la fibra solubile presente negli shirataki, è noto per aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue e migliorare la salute dell’intestino.

Questo può essere particolarmente utile per persone con diabete o per chi cerca di migliorare la propria digestione. Inoltre, grazie al loro alto contenuto di fibre, gli shirataki possono contribuire a una sensazione di sazietà, aiutando a ridurre l’apporto calorico complessivo.

Come cucinare gli shirataki

Cucinare gli shirataki è semplice e veloce. Una volta estratti dalla confezione, è importante sciacquarli bene sotto acqua corrente per rimuovere qualsiasi odore residuo della radice di konjac. Successivamente, possono essere sbollentati per alcuni minuti o saltati in padella.

Gli shirataki sono noti per assorbire facilmente i sapori degli altri ingredienti, rendendoli estremamente versatili in cucina. Possono essere utilizzati in una varietà di piatti, dalle zuppe alle insalate, passando per i piatti saltati e le ricette di pasta.

Shirataki nella dieta

Gli shirataki sono particolarmente apprezzati nella dieta chetogenica, che richiede un basso apporto di carboidrati. Essendo praticamente privi di carboidrati, possono essere utilizzati come sostituto della pasta tradizionale senza compromettere lo stato di chetosi. Questo li rende una scelta popolare tra chi segue regimi alimentari a basso contenuto di carboidrati.

Oltre ai classici noodles, esistono altre varietà di prodotti a base di shirataki, tra cui riso shirataki e pasta shirataki in diverse forme come spaghetti, fettuccine e lasagne. Questi prodotti offrono le stesse proprietà benefiche dei noodles tradizionali, ampliando ulteriormente le possibilità culinarie per chi cerca di ridurre l’apporto calorico o i carboidrati nella propria dieta.

Gli shirataki sono diventati sempre più facili da trovare nei negozi di alimentari specializzati, nei supermercati ben forniti e online. Esistono anche diverse marche che offrono prodotti biologici o senza additivi, garantendo una qualità elevata per i consumatori più attenti alla salute.

Gli shirataki rappresentano una valida alternativa alla pasta tradizionale per chi cerca di ridurre le calorie e i carboidrati nella propria dieta. Grazie alle loro proprietà benefiche per la salute e alla loro versatilità in cucina, è facile capire perché questi noodles giapponesi stanno guadagnando sempre più popolarità a livello globale.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Il tempeh è un alimento fermentato a base di soia, originario dell’Indonesia, dove è stato consumato per secoli come una fonte di proteine essenziale. Si distingue per la sua consistenza compatta e il suo sapore caratteristico, leggermente nocciolato, che lo rende un’ottima alternativa alla carne per vegetariani e vegani. A differenza del tofu, che viene […]

La portulaca, conosciuta anche come Portulaca oleracea, è una pianta che molti considerano un’erbaccia comune, ma che in realtà nasconde straordinarie proprietà nutritive. Diffusa in tutto il mondo, questa pianta cresce spontaneamente nei giardini, nei campi e perfino nei marciapiedi delle città. Nonostante il suo aspetto modesto, la portulaca è un vero e proprio tesoro […]

Il tahini, una pasta di semi di sesamo, ha radici profonde nella cucina mediterranea e mediorientale, con una presenza significativa nella dieta greca. Questo alimento ricco di nutrienti non è solo un ingrediente essenziale in molte ricette tradizionali, ma è anche apprezzato per le sue proprietà benefiche per la salute. La sua produzione è relativamente […]