Depressione post partum o baby blues? Impariamo a non confonderle

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Depressione post partum e baby blues sono due problematiche che colpiscono circa il 70% delle puerpere e che, visto i sintomi piuttosto comuni, sono difficili da distinguere.

Baby Blues

Conosciuta anche come sindrome del terzo giorno, si tratta di un disturbo assai frequente ma fortunatamente abbastanza transitorio. In pratica un’alterazione dell’umore della donna che provoca ansia, tristezza, irritabilità immotivata verso il bambino e qualsiasi altro individuo.

Tali sintomi sono comunque di lieve entità ed hanno termine entro un periodo di tre settimane senza alcuna necessità di terapie farmacologiche.

Tuttavia è bene tranquillizzare la neo-mamma cercando di sgravarla da qualsiasi fatica superflua al fine di lasciarla riposare e di non stressarla ulteriormente.

Depressione post partum

La depressione post partum può essere definita come un’acutizzazione del disturbo precedentemente descritto in quanto, i sintomi sono ben più evidenti e permangono nel tempo.

La depressione post-natale viene curata attraverso la somministrazione di farmaci antidepressivi prescritti dal medico che, in base alla terapia adottata, stabilirà anche l’ipotesi di terminare l’allattamento naturale in favore di quello artificiale. Solitamente, alla cura farmacologica, viene abbinata una cura psicologica per favorire una più rapida e serena guarigione.

Una piccola curiosità: sapevate che di depressione post partum ne soffrono anche i papà?

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Foto di Tai’s Captures su Unsplash Quando il bambino che portiamo in grembo sta per mettere il suo piedino, per la prima volta, nel suo futuro mondo, è il caso di pensare a stilare una lista di nascita. È una scelta che ha molti aspetti positivi in quanto permette a tutti di fare shopping intelligente. […]