06 Aprile 2022 |

Cos’è meglio per cucinare? Gas o fornello a induzione?

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Una delle domande più frequenti se si tratta di cucina è: meglio un piano cottura a gas o a induzione? Alla rinomata testata giornalistica de The Guardian è stato posto il seguente quesito e il conduttore televisivo Tim Hayward ha risposto. Scopriamo qual è la scelta migliore!

Per cucinare: piano cottura a gas o a induzione?

“Non conosco nessuno che si sia convertito all’induzione e che voglia tornare indietro. Lo afferma lo scrittore di cibo e conduttore televisivo Tim Hayward . I vantaggi di non cucinare a gas, dice, sono una miriade, ma la prima domanda da porsi, è di quanta copertura hai bisogno. “Per la maggior parte della mia vita, ho avuto grandi fornelli con cinque fuochi, e non li ho mai usati tutti in una volta”. Lo spiega Hayward. Quindi ora ha optato per qualcosa di più piccolo: un Sage Control Freak , che è un singolo bruciatore a induzione che si trova sopra il piano di lavoro e ha due sonde integrate per misurare la temperatura sia della padella che del cibo al suo interno. Anche sua moglie ha insistito per un piano cottura a induzione a padella singola integrato, ma non è molto utile: “Se mi lasciasse avere due Control Freak, staremmo assolutamente bene”.

“E’ veloce e non surriscalda troppo durante la cottura”

Anche l’ editorialista del Guardian Thomasina Miers preferisce l’induzione, beh, la maggior parte delle volte. “È veloce, efficiente e non ti surriscalda troppo durante la cottura, perché non ti getta calore”, dice. “Ha anche meno energia, di cui ora tutti avranno bisogno”. A quel punto, quale? L’anno scorso ha condotto un test di velocità del piano cottura, confrontando il tempo necessario per far bollire una grande pentola d’acqua: il gas è arrivato a 9,69 minuti e l’induzione a 4,81. Ma questo non è l’unico motivo per considerare l’induzione.

“Non c’è punto di accensione, quindi non devi preoccuparti di cose come le padelle che prendono fuoco”, dice Hayward. Inoltre, è molto controllabile: “Puoi accendere o spegnere l’alimentazione e aspettarti una risposta in padella in pochi secondi”.

Quali sono gli svantaggi?

Lo svantaggio, ovviamente, è che potrebbe essere necessario investire in un nuovo set di pentole (devono avere proprietà magnetiche per condurre l’elettricità). “Qualsiasi padella in cui puoi attaccare un magnete sul fondo funzionerà su un fornello a induzione.” Ciò che non ha funzionato così bene, tuttavia, sono state le “belle e antiche” padelle in rame francesi di Hayward, quindi si è anche procurato un fornello a gas singolo portatile: “Ora posso fare crepe suzette sul tavolo di un carrello”.

Asimakis Chaniotis, capo chef del Pied a Terre a Fitzrovia, premiato con una stella Michelin , è d’accordo: “Il fuoco è una vera cucina”, dice. “È lì che accade la magia. A casa ho un grande fornello a gas, ma se vuoi una soluzione più efficiente, scegli l’induzione”.

Questo non vuol dire che devi eliminare del tutto il fuoco. Se hai un po’ di spazio all’aperto, procurati un barbecue per bruciare quelle verdure e focacce estive. “Ci sono un sacco di divertenti forni per il pane che puoi usare o cose tipo Big Green Egg “, dice Miers. “In termini di spazio, flessibilità e costo del gas, avere un’opzione di cottura all’aperto è un’alternativa molto gradita.”