Psicologia del tradimento: perchè a volte tradire è positivo

di Cinzia Rampino


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

E’ veramente possibile non tradire?

E, soprattutto, tradire (o essere traditi) è veramente una cosa così terribile?

Secondo la psicologia, il tradimento non è poi una catastrofe come siamo abituati a considerarlo, bensì l’inizio di una rivoluzione e di un cambiamento necessario.

Per esempio, abbracciare il futuro implica il tradimento verso il nostro passato. E, a ben vedere, ci sono situazioni in cui, o si tradiscono gli altri e le loro aspettative, o si tradisce se stessi.

Il dibattito, in realtà si fa molto avvincente e, forse, imparando a crescere attraverso il tradimento, saremo più clementi e accondiscendenti con questa attitudine umana che, talvolta, è necessaria e benefica per la nostra vita.

Scopriamo perchè il tradimento può fare bene e come affrontarlo, uscendo dall’ottica del tradimento inteso come onta e catastrofe insuperabile.

Il Dott. Luca Mazzucchelli è fondatore del Servizio Italiano di Psicologia Online, prima realtà di supporto psicologico a distanza in Italia, e collabora con diverse multinazionali aiutandole nella produzione di video psicologico-divulgativi rivolti a professionisti ed appassionati di psicologia. Ha lavorato con alcune importanti realtà del terzo settore e collaborato con diverse Università e Ordini Professionali.
Per conoscere meglio Luca Mazzucchelli puoi consultare:

LEGGI ANCHE:

Perdonare un tradimento: ecco le buone ragioni per farlo

Disintossicarsi da un tradimento

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria