Stufa pirolitica: cos’è, come funziona, vantaggi e svantaggi

di Romina Ferrante

Oggi le nostre case sono sempre più digitali ed eco-friendly, piene di dispositivi tecnologici e intelligenti integrati tra loro, aggeggi infernali che rendono, però, le nostre mura domestiche più confortevoli e rispettose dell’ambiente.

Sul fronte del riscaldamento, si sono fatti enormi passi avanti. Il tema dell’efficientamento energetico, del resto, è diventato cruciale, per risparmiare sul costo delle bollette, che incidono non poco sul bilancio familiare.

Ecco perché oggi, sempre più spesso, si studiano soluzioni innovative, a partire da sistemi antichi, conosciuti fin dalla notte dei tempi, ma anche molto efficienti.

La stufa pirolitica è senz’altro uno di questi. Vediamo di che si tratta.

Come funziona una stufa pirolitica

La stufa pirolitica si basa sulla piroscissione o pirolisi, un processo di decomposizione chimica in assenza di ossigeno, che consiste nel riporre biomasse all’interno di un recipiente e poi scaldarle, raggiungendo temperature tra i 300 e i 400 gradi. In questo modo verrà generato calore, ma anche gas utilizzato per la combustione e biochair o carbone vegetale.

La stufa pirolitica è formata da un contenitore resistente alle alte temperature, dove saranno inserite le biomasse, un tubo di acciaio, un coperchio per evitare che l’ossigeno entri in contatto con il combustibile e un foro alla base della stufa per ottenere la giusta aereazione.

Quali sono i vantaggi?

I benefici di questa stufa sono tanti. Eccone alcuni:

  • Efficienza energetica. La stufa pirolitica assicura alte prestazioni, perché sfrutta sia il calore prodotto, sia i gas sprigionati dalla combustione, che continueranno a generare calore anche quando le biomasse avranno smesso di bruciare;
  • Bassi costi. Non è necessario un allaccio alla rete elettrica e questo consente un notevole risparmio;
  • Facile manutenzione. La stufa è semplicissima da installare e non richiede grossi lavori di manutenzione;
  • Sistema ecologico. Le emissioni di gas sono ridotte al minimo per effetto della pirolisi;
  • Produzione del biochair, un carbone vegetale generato dalla combustione, che è anche un ottimo fertilizzante naturale;
  • Versatilità. La stufa si adatta a qualsiasi ambiente e può essere alimentata con tanti tipi diversi di biomasse (pellet, pellet misto a legna, noci, residui di potatura, legna, fogliame, rifiuti agricoli ecc.).

Quali sono gli svantaggi?

La maggior parte dei modelli sono da esterno o da campeggio e le poche stufe pirolitiche da interno in circolazione  sono ancora molto costose. I costi iniziali sono però compensati dai notevoli risparmi nel lungo periodo, aspetto da non sottovalutare visti i recenti rincari di gas ed energia elettrica.

La stufa pirolitica grazie all’alto rendimento, alla versatilità e alle basse emissioni è destinata a diventare nel prossimo futuro la nuova frontiera del riscaldamento in casa.

LEGGI ANCHE: Riscaldare la casa in maniera economica e naturale, ecco come fare

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

A volte accade che nonostante l’utilizzo di prodotti particolarmente profumati, quando ritiriamo il bucato dalla lavatrice in realtà l’odore non sia così gradevole. Questo si verifica perché anche la lavatrice ha bisogno di pulizia e manutenzione tra il calcare rilasciato e i residui di detersivo. Scopriamo tutti i rimedi naturali per pulirla alla perfezione senza […]