Cura e potatura delle orchidee in vaso: i consigli per non sbagliare

di francesca

Se avete il pollice verde in questo periodo dell’anno potreste facilmente trovarvi a girare per negozi di fiori alla ricerca di una bella pianta da appartamento decorativa. Sicuramente una delle soluzioni più belle da scegliere è una pianta di orchidea in vaso; questo fiore infatti riesce a donare alla casa colore, eleganza ed un tocco di atmosfera esotica.

[prodotti_amazon]
[amazon] Spray per orchidea [/amazon]
[amazon] Semi di orchidea [/amazon]
[amazon] Guida alla coltivazione delle orchidee [/amazon]
[/prodotti_amazon]

Tuttavia se decidete di acquistarla, sappiate che si tratta di una pianta abbastanza delicata. Seguite i nostri consigli per prendervi cura di un’orchidea in vaso senza correre il rischio di sbagliare con l’annaffiatura o la potatura. Ecco allora tutto quello che c’è da sapere per curare una pianta di orchidea in casa.

  • Le piante di orchidee in vaso stanno bene al caldo, quindi duranti i mesi freddi tenetele in appartamento. Attenzione però alla luce: le orchidee hanno bisogno di una buona illuminazione quindi se durante il giorno lavorate e la vostra casa rimane buia procuratevi delle lampade al neon per garantire all’orchidea almeno un’illuminazione artificiale. Poiché anche le redici delle orchidee hanno bisogno di luce, meglio scegliere un vaso di plastica trasparente.
  • L’annaffiatura delle orchidee deve essere frequente. Se avete paura di dimenticarvi di annaffiarle con regolarità, progettate un sistema automatizzato di annaffiatura delle piante da appartamento. Abbiate cura però di scegliere un vaso con un sistema di drenaggio dell’acqua in eccesso.
  • Il rinvaso delle orchidee va effettuato nei mesi primaverili, in genere ad anni alterni. Oltre a sostituire il vaso è importante anche sostituire il terreno ed eventualmente aggiungere dei fertilizzanti per orchidee e degli antiparassitari.
  • Infine un punto critico è la potatura delle orchidee. Oltre ad eliminare con regolarità i fiori appassiti, per favorire la nuova fioritura delle orchidee è importante potare gli steli secchi o danneggiati. Gli esperti sostengono che gli steli appassiti debbano essere tagliati oltre il secondo nodo a partire dal basso. Per la potatura delle orchidee usate solo forbici disinfettate e cercate di praticare dei tagli netti per limitare il rischio di infezioni della pianta. Una corretta potatura delle orchidee vi garantirà una fioritura splendida. D’altro canto esagerare con la potatura può danneggiare la pianta, attenzione quindi a non farvi prendere la mano!

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

A volte accade che nonostante l’utilizzo di prodotti particolarmente profumati, quando ritiriamo il bucato dalla lavatrice in realtà l’odore non sia così gradevole. Questo si verifica perché anche la lavatrice ha bisogno di pulizia e manutenzione tra il calcare rilasciato e i residui di detersivo. Scopriamo tutti i rimedi naturali per pulirla alla perfezione senza […]