Cappellino a ferri accorciati: schema maglia e istruzioni

di Cinzia Rampino


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il cappellino a ferri accorciati è un indumento facile e bello che ci permetterà di imparare la tecnica dei ferri accorciati in pochi passaggi.

Tecnica dei ferri accorciati

Quella con i ferri accorciati è una tecnica di lavorazione a maglia che permette di lavorare un cappellino nel senso dell’altezza e non della larghezza, mentre con i ferri normali siamo abituati a lavorare i cappelli partendo dal basso e diminuendo poi per la rotondità della testa.

Con i ferri accorciati, invece, si “gira” il lavoro lasciando un certo numero di maglie non lavorate sul ferro di sinistra allo scopo di creare la diminuzione necessaria alla rotondità delle testa e alcuni ferri si lavorano parzialmente.

Prima di iniziare è bene sapere che: lavorando a ferri accorciati nel punto in cui “si gira il lavoro” si forma un piccolo buchino, per evitarlo si procede in questo modo, con il sistema wrap and turn, ossia avvolgi e gira.

Spiegazione del Wrap&Turn

  • F1 = Lavorare il ferro fino ad avere un certo numero di maglie sul ferro di sinistra, passare una maglia sul ferro di destra prendendola come per lavorare un rov tenendo il filo sul dav del lavoro (cioè verso di voi), riportare il filo sull’esterno del lavoro e rimettere la maglia “avvolta” sul ferro di sinistra, girare il lavoro e terminare il ferro di ritorno
  • F2 = nel ferro di ritorno, che si lavorerà completo, arrivati alla maglia “avvolta”, inserire il ferro nella maglia prendendo insieme anche il filo che avvolge la maglia stessa e lavorare un dir.

Cappellino a ferri accorciati

Occorrente

  • 50 gr, Debbie Bliss Cashmerino DK,
  • 110 m x 50 gr
  • Ferri 4,5 mm
  • 2 marcatori
  • Ago da lana
  • Circonferenza testa 40 cm
Cappellino a ferri accorciati neonato, Barbara Ajroldi

Cappellino a ferri accorciati neonato, Barbara Ajroldi

Punti e tecniche impiegate:

  • accav doppio = passare 1 maglia senza lavorarla, lavorare 2 ins a dir, accavallare la maglia passata sulla maglia ottenuta.
  • Legaccio

Istruzioni

  • Avviare 34 m e lavorare un ferro a diritto.
  • F1 (rov del lav) = 3 dir, ins M, 3 rov, ins M, 20 dir, girare il lavoro (8 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F2 = dir fino al primo M, gett, accav doppio, gett, pass M, 3 dir
  • F3 (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 21 dir, girare il lavoro (7 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F4 = 27 dir
  • F5 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 22 dir, girare il lavoro (6 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F6 = come F2
  • F7 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 23 dir, girare il lavoro (5 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F8 = 29 dir
  • F9 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 24 dir, girare il lavoro (4 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F10 = come F2
  • F11 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 25 dir, girare il lavoro (3 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F12 = 31 dir
  • F13 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 26 dir, girare il lavoro (2 maglie non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F14 = come F2
  • F15 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 27 dir, girare il lavoro (1 maglia non lavorate sul ferro di sinistra)
  • F16 = 33 dir
  • F17 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 28 dir
  • F18 = come F2
  • F19 = (rov del lav) = 3 dir, pass M, 3 rov, pass M, 28 dir
  • F20 = (rov del lav) = 34 dir
  • Ripetere da F1 a F20 per 6 volte in totale, se si desidera una circonferenza di larga, ripetere ancora una volta.
  • Intrecciare tutte le maglie, cucire il dietro del cappello.

Precisazioni 

Sul bordo del cappello è inserito un motivo traforato, si consiglia di posizionare due marcatori ai lati delle tre maglie del motivo traforato, in modo da rendere più semplice e veloce la realizzazione.

Progetto di Barbara Ajroldi – www.tricotting.com

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Chi vive in città costiere è abituato alla presenza dei gabbiani, ma negli ultimi anni questi uccelli si sono adattati anche agli ambienti urbani, diventando una presenza costante anche in città. Attirati dai rifiuti alimentari e dai luoghi di nidificazione sicuri, i gabbiani possono arrecare fastidio, disturbando con i loro richiami, danneggiando proprietà e lasciando […]

Entrare in una casa e notare che è in ordine mette subito di buonumore: il profumo, le superfici lucide, l’assenza di polvere aiutano a sentirsi a proprio agio e a far percepire l’ambiente come curato. Che vogliate farlo per voi stesse, per la famiglia o per gli ospiti dovete sapere che una delle prime cose […]

La sedentarietà prolungata e l’assunzione di una postura scorretta sono le principali cause dei problemi che coinvolgono la schiena. Per ridurre l’impatto di una seduta impropria si devono adottare delle adeguate contromisure sia sui luoghi di lavoro che nelle abitazioni private. La sedia ergonomica rappresenta la soluzione più appropriata perché è in grado di sorreggere […]

Alzi la mano chi non ha mai avvistato in casa un pesciolino d’argento. Questi insettini di colore argento, dal corpo sottile e allungato, noti anche con il nome scientifico di “Lepisma saccharina“, si nascondono in qualsiasi ambiente della casa. Abilissimi nello sgusciare via, i pesciolini d’argento sono ospiti non graditi in casa, nonostante siano in […]