“Shojin ryori”, il segreto dei monaci buddisti per ripulire mente e corpo

di Romina Ferrante


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Nel mondo frenetico e stressante in cui viviamo e dove cresce sempre più il fenomeno della depressione, la ricerca di metodi per rilassare la mente e purificare il corpo sta diventando sempre più frequente. Tra le tante pratiche e tradizioni, uno dei segreti meglio custoditi dei monaci buddisti giapponesi è lo “shojin ryori“, un’antica forma di cucina zen, che promette di portare equilibrio e armonia nella vita di coloro che la seguono.

Lo shojin ryori, che letteralmente significa “cucina dei monaci buddisti”, ha radici profonde nella tradizione buddista giapponese e si basa su principi fondamentali di equilibrio e attenzione. Questa forma di cucina risale al XIII secolo ed è stata originariamente sviluppata nei templi buddisti come un modo per nutrire sia il corpo che la mente e considera il cibo come un mezzo di elevazione spirituale.

Gli antichi monaci avevano già compreso allora l’importanza di un’alimentazione sana e consapevole per sostenere il loro spirito e per mantenere un buon equilibrio mentale durante lunghi periodi di meditazione e contemplazione.

Che cosa prevede la dieta dei monaci buddisti

A differenza di molte cucine elaborate e ricche di ingredienti, lo “shojin ryori” si concentra sulla semplicità e sulla purezza degli alimenti per mantenere il benessere psicofisico. La preparazione di questi piatti prevede l’uso esclusivo di ingredienti vegetali, come verdure, legumi, alghe marine, cereali, radici e tofu. I cibi sono cucinati in modo semplice, spesso bolliti o al vapore, per preservarne il sapore naturale e le proprietà nutrienti.

La filosofia alla base dello shojin ryori è in sintonia con i principi buddisti di non violenza e rispetto per tutti gli esseri viventi. Di conseguenza, la cucina zen evita l’uso di carne, pesce e prodotti animali, focalizzandosi invece sulla compassione e sulla gentilezza verso gli animali e l’ambiente.

Viene, inoltre, totalmente bandita ogni forma di spreco invitando a riutilizzare gli avanzi, riproponendoli in chiave diversa, un po’ come facevano le nostre bisnonne.

Oltre alla scelta attenta degli ingredienti, un altro aspetto fondamentale dello shojin ryori è la pratica della gratitudine e della consapevolezza durante il pasto. Prima di iniziare a mangiare, i monaci si prendono un momento per esprimere gratitudine per il cibo, per chi lo ha coltivato e per chi lo ha preparato. Questo atto di riconoscimento è considerato essenziale per aumentare la consapevolezza del cibo che si sta consumando e per sviluppare un legame più profondo con la natura.

Grazie alla sua purezza e alla scelta accurata degli ingredienti, lo “shojin ryori” offre diversi benefici per la salute del corpo e della mente. Le verdure fresche e gli alimenti ricchi di nutrienti promuovono la vitalità e la salute generale, mentre la pratica della consapevolezza durante i pasti aiuta a rallentare e a sperimentare il cibo in modo più profondo.

La “regola del 5”

In particolare, la dieta buddista propone la cosiddetta “regola del 5”:

  • Evitare 5 verdure, l’aglio, la cipolla, il cipollotto, l’aglio cinese e la cipolla cinese per non alterare il gusto degli alimenti principali, lasciando così inalterato il proprio stato psicofisico;
  • Combinare tra loro i 5 sapori, in particolare elementi acidi, amari, dolci, salati e “umami” (termine giapponese che significa “piacevolmente saporito”);
  • Combinare i 5 colori, il verde, il rosso, il giallo, il bianco e il nero, che dovranno essere presenti in ogni pasto.
  • Usare 5 metodi di cottura come la bollitura, la frittura, la cottura alla griglia, la cottura a vapore e la preparazione cruda.

Lo shojin ryori, il trend del momento

Oggi, lo shojin ryori sta guadagnando sempre più popolarità al di fuori dei templi buddisti e sta diventando una tendenza culinaria apprezzata anche da chi cerca un’esperienza di alimentazione più equilibrata e salutare, per deliziare sia gli occhi che il palato.

I ristoranti che servono piatti “shojin ryori” stanno aprendo le loro porte a chiunque sia interessato a scoprire una cucina diversa, capace di andare oltre il semplice nutrimento fisico.

Lo “shojin ryori”, lontano dalle mode culinarie passeggere, ci ricorda l’importanza di nutrire il corpo con cibi salutari e di sviluppare un rapporto più profondo e rispettoso con il cibo che consumiamo, nutrendo sia il corpo che l’anima.

Foto da depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Tra le più comuni convinzioni alimentari c’è il divieto di mangiare le uova per chi è a rischio di patologie cardiovascolari. Si tratta di uno dei miti più radicati, ora un nuovo studio ha finalmente sfatato questa convinzione, dimostrando che l’inclusione delle uova nella dieta quotidiana non ha effetti negativi sui livelli di colesterolo, neanche […]

Quando si parla di colazione uno degli errori che commettiamo più spesso è quello di prediligere una colazione dolce ricca di biscotti, dolci e prodotti da forno. Vuoi per ragioni di marketing dell’industria alimentare, vuoi per una tradizione consolidata gli italiani amano fare colazione con cibi ricchi di zuccheri e grassi come cornetti, pasticcini e […]

L’acrilammide è un composto chimico che si forma naturalmente durante il processo di cottura ad alte temperature di alcuni alimenti amidacei, come patate, cereali e caffè. Questo composto è stato oggetto di crescente preoccupazione nella comunità scientifica a causa dei potenziali rischi per la salute associati al suo consumo. La formazione di acrilammide avviene principalmente […]