Influenza B, boom di casi in primavera: che cos’è, quali sono i sintomi e come curarla

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Se dicembre e gennaio sono stati due mesi colpiti dall’influenza stagionale, anche nel mese di marzo con i frequenti sbalzi di temperatura assisteremo a un’escalation delle malattie respiratorie e intestinali.

In particolare, secondo il vicesegretario nazionale della Federazione Italiana dei Medici Pierluigi Bartoletti tra marzo e aprile arriverà “l’influenza B che colpisce soprattutto i bambini e i ragazzi”.

In primavera assisteremo ad un aumento dei casi influenzali, ma c’è da preoccuparsi? Scopriamo che cos’è l’influenza B e quali sono i suoi principali sintomi?

Che cos’è l’influenza B e quali sono i suoi sintomi

L’influenza, causata dai virus influenzali, è una malattia respiratoria contagiosa che colpisce le vie respiratorie superiori. I sintomi più evidenti sono la febbre, i brividi, il mal di testa, la tosse, il mal di gola e l’affaticamento. Si trasmette principalmente attraverso le goccioline respiratorie e il contatto diretto con superfici contaminate.

Nelle persone anziane e nei soggetti fragili l’influenza può provocare complicazioni gravi, ecco perché è importante seguire delle regole di prevenzione come la vaccinazione, il lavaggio delle mani e il mantenimento di sani comportamenti igienici.

I virus influenzali possono essere di tipo A, B o C. L’influenza A è il tipo più comune di influenza e può causare epidemie e pandemie globali. È associata a una maggiore variabilità genetica e può infettare sia gli esseri umani che gli animali, come gli uccelli e i suini.

L’influenza B causa solitamente epidemie meno gravi, anche se può ancora avere un impatto significativo sulla salute pubblica, mentre l’influenza C è meno comune e generalmente causa sintomi più lievi rispetto alle altre forme di influenza. L’influenza C difficilmente causa epidemie e pandemie e non di solito inclusa nei vaccini antinfluenzali stagionali. Colpisce principalmente i bambini e gli adulti giovani.

L’influenza B provoca sintomi come febbre, tosse, mal di gola, naso che cola, starnuti, affaticamento, dolori articolari e muscolari, ma anche dolori addominali e disturbi gastro-intestinali. Rispetto all’influenza A, questo tipo di influenza è meno allarmante e tende a causare epidemie meno gravi, anche se ogni anno è necessaria la formulazione di un nuovo vaccino per adattarsi alle varianti prevalenti e proteggere la popolazione.

Nei casi più gravi l’infezione può provocare polmoniti, bronchiti, difficoltà respiratorie, miositi (infiammazioni del tessuto muscolare), miocarditi (infiammazioni del cuore) e sepsi.

Come curare l’influenza B

L’influenza B essendo di origine virale non può essere curata con gli antibiotici, ma i principali sintomi possono essere curati attraverso farmaci da banco come antipiretici e antinfiammatori. In questi casi è indicato il riposo assoluto così da consentire al corpo di combattere l’infezione in modo efficace.

Solitamente i sintomi tendono ad attenuarsi e a scomparire nel giro di 7-10 giorni. Quando si manifesta febbre alta, soprattutto in bambini e soggetti fragili, si consiglia di rivolgersi al pediatra o al proprio medico.

Oltre alla vaccinazione, consigliatissima per i pazienti più vulnerabili, esistono delle buone pratiche igieniche che possono aiutare a ridurre il rischio di contrarre e diffondere l’influenza di tipo B come lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone, specialmente dopo aver tossito o starnutito, evitare il contatto ravvicinato con persone malate, coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto usa e getta, evitare di toccarsi occhi, naso e bocca con le mani non lavate, evitare il contatto con persone malate e rimanere a casa quando si è influenzati così da non diffondere l’infezione ad altri.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Gli attacchi di panico sono episodi di intensa paura o disagio che si manifestano all’improvviso e raggiungono il picco nel giro di pochi minuti. Durante un attacco di panico, una persona può avvertire una serie di sintomi fisici e mentali che possono essere estremamente debilitanti e spaventosi. Questi episodi non sono rari: secondo alcune stime, […]

La capsaicina è il composto chimico che dona il sapore piccante ai peperoncini. Anche se molti la conoscono per il suo effetto infuocato, pochi sanno che questa sostanza ha diversi benefici per la salute. Scopriamo insieme quattro vantaggi che la capsaicina può offrire, andando oltre il semplice pizzicore sulla lingua. Un aiuto per la perdita […]

La colestasi è una condizione medica caratterizzata da una riduzione o interruzione del flusso della bile dal fegato all’intestino tenue. La bile è un liquido prodotto dal fegato, essenziale per la digestione dei grassi e l’eliminazione di alcune sostanze di scarto dal corpo. Quando il flusso della bile è compromesso, possono insorgere vari problemi di […]