Emicrania estiva, il caldo peggiora i sintomi: come prevenirla

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Con l’arrivo dell’estate e l’innalzarsi delle temperature, molte persone possono notare un peggioramento dei sintomi dell’emicrania.

Questa condizione debilitante, caratterizzata da attacchi di mal di testa intensi e pulsanti, colpisce milioni di individui in tutto il mondo e può essere particolarmente aggravata dal caldo estivo.

Comprendere le cause e imparare a prevenire l’emicrania durante i mesi più caldi è fondamentale per migliorare la qualità della vita di chi ne soffre.

Cos’è l’emicrania e perché il caldo aggrava i sintomi?

L’emicrania è un tipo di cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità variabile, spesso accompagnati da nausea, vomito, e sensibilità alla luce e ai suoni. Gli attacchi possono durare da alcune ore a diversi giorni e possono essere così debilitanti da interferire significativamente con le attività quotidiane.

Diversi studi hanno evidenziato una correlazione tra l’aumento delle temperature e l’intensificazione degli attacchi di emicrania. Il caldo può provocare una serie di cambiamenti nel corpo che contribuiscono a scatenare o peggiorare i sintomi:

  1. Disidratazione: Le alte temperature aumentano la sudorazione, che può portare a una rapida perdita di liquidi e sali minerali. La disidratazione è una causa comune di emicrania.
  2. Variazioni della Pressione Atmosferica: Cambiamenti improvvisi nella pressione atmosferica, spesso associati al caldo estivo, possono innescare l’emicrania in persone sensibili a questi cambiamenti.
  3. Stress Termico: L’esposizione prolungata al calore può causare uno stress termico che porta a vasodilatazione e, di conseguenza, a mal di testa.
  4. Disturbi del Sonno: Le notti calde e umide possono disturbare il sonno, e la mancanza di riposo adeguato è un noto fattore scatenante dell’emicrania.

Strategie per prevenire l’emicrania estiva

Prevenire l’emicrania durante i mesi estivi richiede un approccio proattivo che coinvolge diversi aspetti dello stile di vita. Ecco alcune strategie efficaci:

  1. Mantenersi idratati: Bere acqua regolarmente è fondamentale. Si consiglia di portare sempre con sé una bottiglia d’acqua e di bere a intervalli regolari, anche se non si avverte sete. Evitare bevande alcoliche e caffeinate che possono contribuire alla disidratazione.
  2. Evitare l’esposizione prolungata al sole: Cercare di rimanere in ambienti freschi durante le ore più calde della giornata (dalle 11:00 alle 16:00). Se è necessario stare all’aperto, indossare un cappello, occhiali da sole e utilizzare protezione solare.
  3. Alimentazione adeguata: Consumare pasti leggeri e frequenti che includano frutta e verdura ricche di acqua, come cetrioli, angurie e arance, per mantenere un buon livello di idratazione.
  4. Riposo e recupero: Garantire un ambiente di sonno confortevole e fresco. Utilizzare ventilatori o condizionatori d’aria, e considerare l’uso di lenzuola leggere in cotone.
  5. Attività fisica moderata: Esercizio fisico regolare può aiutare a ridurre lo stress, un noto fattore scatenante dell’emicrania. Tuttavia, è importante evitare attività fisiche intense durante le ore più calde della giornata.
  6. Monitoraggio delle condizioni meteorologiche: Essere consapevoli delle previsioni del tempo e prendere misure preventive quando sono previste ondate di calore o variazioni della pressione atmosferica.

Trattamenti e terapie

Per chi soffre di emicrania, è essenziale avere un piano di trattamento in atto. Oltre alle strategie preventive, esistono vari trattamenti farmacologici e non farmacologici che possono essere utili:

  1. Farmaci Preventivi: Alcuni farmaci possono essere assunti regolarmente per prevenire l’insorgenza degli attacchi di emicrania. Questi includono beta-bloccanti, antidepressivi, e antiepilettici.
  2. Trattamenti Acuti: Farmaci come i triptani possono essere utilizzati per alleviare i sintomi durante un attacco di emicrania. Anche analgesici da banco come l’ibuprofene e il paracetamolo possono essere efficaci.
  3. Terapie Complementari: Tecniche di rilassamento, yoga, e meditazione possono aiutare a gestire lo stress e ridurre la frequenza degli attacchi. L’agopuntura e la fisioterapia sono altre opzioni che hanno mostrato benefici in alcune persone.

È sempre consigliabile consultare un medico o un neurologo per una diagnosi precisa e un piano di trattamento personalizzato. Ogni individuo può rispondere in modo diverso ai vari trattamenti, e un professionista sanitario può aiutare a trovare la soluzione più adatta.

L’emicrania estiva può essere una sfida significativa, ma con le giuste strategie di prevenzione e gestione, è possibile ridurre l’impatto dei sintomi e godersi l’estate.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse per i superfood, alimenti che offrono straordinari benefici nutrizionali. Tra questi, il gomasio è uno dei meno conosciuti ma sicuramente meritevole di attenzione. Proveniente dalla tradizione culinaria giapponese, il gomasio è un condimento a base di semi di sesamo e sale marino che non solo aggiunge sapore […]

• Gavi, The Vaccine Alliance, ha completato l’assegnazione di quasi 200 milioni di dosi di vaccino a 35 paesi a basso reddito, con l’obiettivo di raggiungere milioni di bambini che non hanno ricevuto le vaccinazioni di routine fondamentali durante la pandemia di COVID-19. • Questa assegnazione segue la decisione del Consiglio di Amministrazione di Gavi, […]

Il cibo è una delle necessità fondamentali della vita umana, ma per molti, ciò che dovrebbe essere una fonte di piacere e nutrimento si trasforma in una fonte di ansia e vergogna. Questo fenomeno, noto come “food shaming“, si riferisce alla pratica di giudicare e criticare le scelte alimentari degli altri. Che si tratti di […]

Nell’ultima settimana, dall’11 al 17 luglio, l’Italia ha registrato 8.942 nuovi casi di Covid-19. Questo rappresenta un aumento del 62,5% rispetto alla settimana precedente. Il dato emerge dal Monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e del Ministero della Salute, evidenziando una preoccupante crescita della diffusione del virus. Nonostante l’incremento dei contagi, la situazione nei […]