Effetto Michelangelo: quando l’amore ci aiuta a diventare la nostra opera d’arte

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’effetto Michelangelo introduce una prospettiva positiva nelle dinamiche di coppia. Questo fenomeno rappresenta il cambiamento come un’opportunità di crescita condivisa, dove ciascun partner aiuta l’altro a diventare la versione migliore di sé.

In questo contesto, la relazione non è solo basata sulla comprensione e sul rispetto, ma anche sulla condivisione degli obiettivi e sulla crescita reciproca.

Il termine “effetto Michelangelo” deriva proprio dal celebre artista italiano. Come spiegato dalla psicologa Serena Borroni su Fanpage.it il concetto è nato durante un viaggio in Italia negli anni Ottanta.

Un dottorando di psicologia sociale, ispirato dalle opere di Michelangelo e da un romanzo che descriveva i partner come martello e scalpello l’uno per l’altro, ha deciso di focalizzarsi sugli aspetti positivi delle relazioni di coppia. Da qui, il nome “effetto Michelangelo” che sottolinea come i partner possano aiutarsi reciprocamente a crescere verso il proprio sé ideale.

Michelangelo vedeva la scultura non come un atto di creazione dal nulla, ma come un processo di rivelazione di una forma già esistente nel marmo. Questa metafora si adatta perfettamente alle dinamiche di coppia.

Il blocco di pietra rappresenta il sé attuale di un individuo, mentre la scultura completata rappresenta il sé ideale. I partner, come martello e scalpello, aiutano a rivelare la bellezza interna l’uno dell’altro, favorendo il passaggio dal sé attuale al sé ideale.

L’effetto Michelangelo nasce con una connotazione positiva. Il cambiamento del singolo, riflesso nella coppia, è visto come sano e costruttivo. Il partner aiuta l’altro a realizzare i propri sogni e aspirazioni attraverso due comportamenti chiave: avere una visione realistica delle aspirazioni del partner e stimolarlo a comportarsi in modo congruente con il proprio sé ideale. Questo supporto reciproco permette a ciascun partner di plasmare il proprio sé ideale.

Al contrario, quando in una relazione manca la maturità per lavorare per il bene dell’altro, si può sfociare in dinamiche tossiche. Queste sono caratterizzate dalla manipolazione e dalla dominanza, dove uno dei partner cerca di trasformare l’altro secondo i propri desideri, ignorando i bisogni e i sentimenti reali del partner. In questo scenario, il cambiamento diventa un’imposizione, anziché una crescita condivisa.

In sintesi, l’effetto Michelangelo rappresenta una dinamica positiva nelle relazioni di coppia, dove il cambiamento è visto come un’opportunità di crescita reciproca. Ogni partner aiuta l’altro a realizzare il proprio sé ideale, favorendo una relazione sana e costruttiva.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Gli shirataki sono un tipo di noodle tradizionale giapponese che sta guadagnando popolarità in tutto il mondo per le sue proprietà uniche e i suoi benefici per la salute. Questi noodles sono realizzati dalla radice di konjac, una pianta che cresce in alcune parti dell’Asia. Il nome “shirataki” significa “cascata bianca”, un riferimento all’aspetto traslucido […]

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]